Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 19 novembre 2015

Salsa agrodolce al peperoncino

E' bello potersi preparare in casa le salse che normalmente si trovano solo nei supermarket ben forniti; si ha più soddisfazione e si sa cosa ci si mette dentro (parlo agli allergici come me). La salsa in questione si prepara con pochi e banali ingredienti e non richiede particolare perizia. Unica avvertenza: se vi piace che abbia un accento piccante ben marcato, abbondate con il peperoncino fresco.  Era la prima volta che usavo questo tipo di peperoncino e temevo "picchiasse troppo" invece, rispetto a quelli che coltivo, dopo la cottura si è rivelato un po' deboluccio, lasciando appena percepire un lieve accento piccante. Ergo: abbondate pure nella quantità o aggiungete un pizzico di peperoncino in polvere. La salsa si accompagna molto bene a gamberi, calamari o capesante saltati in padella ma si rivela vincente accostandola a dei formaggi di un certo tono perché, in un certo senso, sembra quasi una confettura.
 SALSA AGRODOLCE AL PEPERONCINO
da una ricetta di John Torode

Ingredienti per una ciotolina
1 peperone rosso (250g circa)
1 peperoncino rosso di media piccantezza (meglio due)
100 g di zucchero
100 ml di aceto di vino bianco (o aceto di riso)
100 ml di acqua

Lavare peperone e peperoncino. Eliminare da entrambi il picciolo, i semi e i filamenti bianchi. Tagliare tutto a pezzetti. Radunare in una casseruolina i peperoni, l'aceto, lo zucchero e l'acqua. Dare una mescolata e mettere sul fuoco. Cuocere, coperto, per  30 minuti. Passare al frullatore, riducendo tutto in una purea liquida. Rimettere sul fuoco e far restringere la salsa per circa 15 minuti, fino a quando diventa un po' appiccicosa. Versarla in una ciotola e farla raffreddare.
Annota bene: se non si consuma tutta, travasarla dentro piccoli vasetti e congelarla per usi futuri. 


2 commenti: