Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 8 maggio 2014

FLORALIA Bruxelles 2014

Una decina di giorni fa, mentre passeggiavo con mio marito sotto le monumentali arcate delle Gallerie Reali Saint-Hubert, a Bruxelles, è stato impossibile non notare le colorate fioriere che, a intervalli regolari, pubblicizzavano l'undicesima edizione di "Floralia",  mostra dei fiori che si tiene nel parco e nelle serre del Château de Grand-Bigard, a Groot-Bijgaarden, piccolo villaggio a sette chilometri dalla capitale. Approfittando dell'incredibile fortuna di un tempo mite e soleggiato, l'indomani ci siamo presentati alla biglietteria del castello, ansiosi di vedere questo straordinario spettacolo della natura e del lavoro dell'uomo.

La residenza è circondata da 14 ettari di parco, attraversando il quale è possibile ammirare quasi tutte le varietà delle bulbose primaverili riunite in fantasmagoriche aiuole, senza contare le infinite siepi di rododendri e di azalee e, sotto gli alberi, tappeti  di fiori selvatici coloratissimi, come i muscari blu e gialli, gli iris, le bocche di leone o i papaveri in miniatura. Percorrendo il ponte all'ingresso, si può scorgere sulla riva opposta un enorme cuore rosso fatto con centinaia di tulipani (molto romantico!).  Appena superato l'ingresso, alcuni espositori vendono campanelle, orchidee, petunie, iris, erbe aromatiche in vaso, bulbi di varie specie e piccoli attrezzi per il giardinaggio. Devo dire che ho un po' invidiato chi poteva comprarsi qualche pianta senza dover fare i conti con le limitazioni imposte dalle compagnie aeree.  La cappella  privata del castello è adorna di stupende varietà di orchidea e persino nella torre che fungeva da prigione c'è una sorpresa fiorita. Addentrandoci nel parco, si rimane colpiti da una serra (1000 m2) che ospita una prestigiosa mostra di composizioni floreali e piante decorative che cambiano ogni settimana. Ho scattato tantissime foto (e insieme a me una folta pattuglia di giapponesi) per prendere idee su come decorare la casa con i fiori recisi.  C'è anche un'area attrezzata per i pic-nic, con una cucina che sforna torte salate e altre ghiottonerie a prezzi non proprio popolari. Inoltre, non manca nemmeno un frutteto e un piccolo pollaio dove convivono pacificamente galline e pavoni. Insomma, un vero paradiso per gli amanti del verde e della natura! 
La mostra chiude oggi.







4 commenti:

  1. bellissimo non ci sono mai stato, reportage fantastico

    RispondiElimina
  2. Carmine, e' stata una scoperta anche per noi. Pensavo che niente fosse paragonabile ai giardini di Villa Carlotta a Tremezzo o a quelli di Villa Taranto a Verbania durante la fioritura della azalee, ma questa esposizione e' una cosa straordinaria, sia per la bellezza dei fiori che per la cura maniacale con cui sono stati disposti. Sembrava di passeggiare nei giardino dell'Eden! Le foto che ho pubblicato non rendono che una piccola parte di quello che abbiamo visto.
    Grazie mille del commento. A presto!

    RispondiElimina