Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 16 dicembre 2013

Capesante in padella con purè di cavolfiore

Un piatto divino nella sua semplicità. L'accostamento di sapori, come dice lo chef Gordon Ramsay, è di quelli che non si dimenticano e lo posso confermare. Anche mio marito, che pensavo non gradisse la salsina agrodolce, ha chiesto di averne ancora. La ricetta è un po' rimaneggiata rispetto a quella pubblicata nel libro "Il pranzo della domenica e altre ricette", principalmente nelle dosi, che ho adattato ai miei gusti. Dopo aver fatto la prova con risultato positivo, penso inserirò questo antipasto nel menu della Vigilia. 

CAPESANTE IN PADELLA CON PURE' DI CAVOLFIORE 
da una ricetta di Gordon Ramsay

Ingredienti per 4 persone


Per il purè e le capesante
850 g di cavolfiore
20 g di burro + altri 20 g per rifinire il purè
200 ml di latte fresco
una dozzina di capesante (senza il corallo)
olio extravergine q.b.
sale, pepe
1 cucchiaino di curry poco piccante (io ho usato il curry Java, dalle note lievemente agrumate)

Per la salsa 
30 g di uvetta sultanina, risciacquata sotto un getto d'acqua
30 g di capperi, dissalati
30 g di acqua

Per la vinaigrette
1 cucchiaio di aceto di sherry
3 cucchiai di olio extravergine
sale e pepe

Preparare la salsa: mettere l'uvetta, i capperi e l'acqua in un pentolino. Portare a bollore, poi versare nel frullatore e ridurre in purea. Tenere da parte. 
Per la vinaigrette: sciogliere il sale nell'aceto. Emulsionare con l'olio e condire con il pepe. 
Per il purè di cavolfiore:  mondare e lavare il cavolfiore, utilizzando solo le cimette.  Farle rosolare in pentola, con il burro fuso,  per 3 o 4 minuti. Trascorso questo tempo, aggiungere il latte caldo e cuocere per una decina di minuti, parzialmente coperto, fino a quando il cavolfiore sarà tenero. Salare e pepare generosamente. Versare il composto nel frullatore e ridurre tutto in purea. Se dovesse risultare troppo asciutto, allungare con ancora un po' di latte. Versare di nuovo nella casseruola; condire con una noce di burro e tenere in caldo.
Per le capesante: insaporirle su ambo i lati con sale, pepe e un buon pizzico di curry. Scaldare un filo d'olio in una padella antiaderente. Quando sarà ben caldo, metterci le capesante, avendo l'accortezza di disporle in senso orario, partendo da mezzogiorno. Rosolarle per un minuto, poi girarle seguendo l'ordine con cui sono state messe. In questo modo, tutte le capesante saranno cotte uniformemente. Dare ancora un minuto di cottura, fino a che saranno elastiche al tatto. Trasferirle su un piatto caldo e lasciarle riposare un minuto. Tagliare ogni capasanta a metà in orizzontale e condire bene. 
Presentazione: versare il purè di cavolfiore nei piatti fondi, decorando con le mezze capesante, il condimento ai capperi e la vinaigrette. Servire subito

Annota bene:  raccomando di non usare un curry troppo forte, giacché potrebbe ammazzare il delicato sapore della capasanta. Io ho scelto un curry Java, a base di curcuma, coriandolo, fieno greco, buccia di limone, zenzero, pepe, chili e alloro, ideale con il pesce e i molluschi.

18 commenti:

  1. Ma com'è che ho aspettato fino ad ora per segnarmi tra i tuoi seguaci? ...che distratta
    saluti Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'adesione, Cincia. Spero di rileggerti presto

      Elimina
  2. Mi piace un sacco!! Bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo, Gordon, semmai ;)
      dovresti vedere la precisione con cui sono tagliate le sue capesante: sembra averlo fatto con il raggio laser. Inchino.

      Elimina
  3. Ottima ricetta, adoro le capesante! Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Valeria, grazie dell'apprezzamento!

      Elimina
  4. mamma che buone cose e belle!!!
    claudia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che bello ci sono riuscita finalmente!!!!

      Elimina
    2. Meno male sei riuscita a risolvere il problema, Capona. Ci sentiamo presto!

      Elimina
  5. Molto interessante l'accostamento del cavolfiore con l'agrodolce, ho sempre qualche perplessità sulle capesante, che per me sono un po' sopravvalutate, trovo però questa ricetta intrigante e la proverò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai ragione, ma credo che le capesante, a differenza di altri molluschi, piacciano quasi a tutti e quando si tratta di approntare un menu per diverse persone si cerca di andare sul sicuro.
      Un abbraccio

      Elimina
  6. è una ricetta oriignalissima per le capesante, per abbinamento è profumi ma molto interessnate in stile ramsay

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Gunther, è una ricetta davvero interessante e il suo bello è che la puoi eseguire in casa tranquillamente, senza dover ricorrere ad ingredienti strani o ad attrezzature sofisticate.

      Elimina
    2. In fondo è proprio questo il valore della cucina: partire da pochi ingredienti base per arrivare a risultati straordinari... e tu ci riesci benissimo :-)

      Elimina
  7. Stile Ramsay, ma anche stile Italy!!!!
    Ci "ruba" di brutto i sapori più nostrani: cavolfiore, uva passa, capperi sono una consolidata family!
    Bello l'abbinamento con le eleganti capesante, molto!!:))))

    RispondiElimina
  8. Fabiana, dovresti vedere come presenta lui il piatto: una cosa raffinatissima. Se vai su youtube, cerca il filmato "Perfect scallops with cauliflower puree".
    A presto!

    RispondiElimina
  9. Vedi la vita... Ieri ho fatto delle capesante molto simili alle tue, meno complessa la ricetta, con puree di broccolo romano. Amedeo m chiede da dove mi è venuta l'idea, risponde che creo di aver inventato.... Oggi vado a vedere nel tuo blo ed ecco, due anni fa... Avevo assorbito senza renderme conto? Grazie!

    RispondiElimina
  10. Succede anche a me, ogni tanto. Il fatto e' che si leggono cosi' tante cose che poi si sedimentano e vengono a galla quando meno te lo aspetti. Io stessa, quest'estate, ho preparato una frittata con piselli e feta, convinta di aver cucinato una cosa nuova. Poi mi sono accorta, andando a rileggere il blog di Gunther, che era una sua idea che avevo, tra l'altro, pure commentato. Succede, succede!
    Un abbraccio e grazie a te

    RispondiElimina