Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 28 ottobre 2013

Torta di castagne e cioccolato (la torta di Hugh)

Avevo in mente di preparare questa torta già l'autunno scorso, quando mi era stato regalato il libro di G. Ramsay "Il pranzo della domenica", ma per un motivo o l'altro  non ero riuscita nel proposito. Quest'anno, però, sono partita con il piede giusto (avevo delle buonissime castagne) e la mia attesa è stata ampiamente ripagata. Ramsay racconta che questa torta, preparata dal suo collega e amico Hugh Fearnley-Whittingstall,  generò un certo scompiglio durante la finale della prima stagione  del suo show The F Word  poiché la giudice, Sharon Osbourne, la giudicò migliore della sua crostata al cioccolato e nocciole. Dopo un primo, comprensibile, momento di stupore, Ramsay accettò di buon grado il verdetto e chiese a Hugh di poter inserire la ricetta nel suo libro, richiesta che venne gentilmente concessa.

TORTA DI CASTAGNE E CIOCCOLATO (la torta di Hugh)
da IL PRANZO DELLA DOMENICA e altre ricette 
di Gordon Ramsay




Dosi per una torta diametro 24 cm

250 g di cioccolato fondente (al 50%), spezzettato
250 g di burro
250 g di castagne cotte
125 ml di latte intero
125 ml di panna fresca
4 uova, separate
125 g di zucchero extrafine
1 pizzico di sale
1 cucchiaino da caffè di pasta di vaniglia o i semi di 1/2 baccello (mia aggiunta)
2 cucchiai di rum agricolo (mia aggiunta)

Per guarnire
250 ml di panna fresca
2 cucchiaini di zucchero extrafine
i semi di 1/2 baccello di vaniglia
marrons glacés
violette candite

Sciogliere il cioccolato e il burro nel microonde. Mescolare il composto accuratamente e farlo raffreddare. Mettere le castagne cotte in un pentolino, insieme al  latte e alla panna; appena iniziano a bollire, ritirarle dal fuoco e frullare tutto. Far raffreddare. Montare i tuorli delle uova  con lo zucchero, un pizzico di sale e la pasta di vaniglia; quando il tutto sarà gonfio e chiaro, aggiungere il cioccolato e la purea di castagne, mescolando fino ad ottener un miscuglio liscio ed omogeneo. Profumare con il rum. Montare gli albumi e aggiungerli in tre riprese al composto, unendoli con delicatezza. Versare in uno stampo diametro 24 cm, imburrato e spolverato con amido di mais. Cuocere in forno a 160°C per 30 minuti. Spegnere il forno e lasciar riposare il dolce all'interno, con sportello socchiuso, per altri 10 minuti. Far raffreddare completamente. 
Suggerimenti per il servizio: il dolce è già buono e calorico da solo, magari spolverato con del cacao amaro e servito con un ciuffo di mascarpone o di crème fraîche ma io, dovendo festeggiare una ricorrenza e avendo voglia di strafare, l'ho presentato in questo modo: mettete la panna, ben fredda, in una bacinella, insieme a due cucchiaini di zucchero e i semi di 1/2 baccello di vaniglia. Montatela non troppo soda e spalmatela sulla superficie della torta, decorando con marrons glacés spezzettati e violette candite.

Annota bene: nella ricetta originale di Hugh Fearnley-Whittingstall, la torta viene servita calda, con una consistenza morbida, quasi moussosa. Facendola raffreddare, si rassoderà completamente. A voi la scelta.

11 commenti:

  1. Gordon Ramsay è una garanzia e tu..pure ! La vorrei adesso , sto bevendo una tazza di the....

    RispondiElimina
  2. devo dire che è molto interessante e golosissima, la metto nella mia lista è troppo invitante magari per Natale

    RispondiElimina
  3. Questa mi piace proprio!!!! Come tante tue preparazioni, a dire il vero... ma qui al sud siamo praticamente a 30° e l'idea di cucinare roba calorica e lussuriosa ancora non mi sfiora... :DD Se mai arriverà il freddo la faccio di sicuro!! Felice serata!

    RispondiElimina
  4. Golosissima...la mangerei calda!!!1
    Grazie per la condivisione,un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Una favola questa torta, davvero splendida!

    RispondiElimina
  6. Ho appena fatto la tua torta al cioccolato e amaretti e ora mi vieni con quest'altra fantastica torta!!!
    Ma come devo fare??

    RispondiElimina
  7. Eugenia, fredda o calda, questa torta non lascia scampo! Segnata da provare, non appena mio papà mi porterà le castagne dalla montagna :-)

    RispondiElimina
  8. mamma mia che torta!! Da fare assolutamente...
    grazie Eugenia, sei sempre fonte di ispirazione...

    RispondiElimina
  9. Grazie di cuore a tutti. Scusate se nn rispondo singolarmente, ma in questi giorni non ho davvero un attimo di respiro. A presto! Un bacione a tutti!

    RispondiElimina
  10. due parole magiche per me: torta + castagne . chi sa che bontá!

    RispondiElimina
  11. eccola qui, l'aspettavo!!
    gordon si è rivelato un vero gentleman :)
    favolosa questa torta, alla prossima occasione te la copio! e non aspetterò un altro compleanno...
    baciooooo

    RispondiElimina