Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 4 agosto 2013

Satay di pollo con riso basmati e salsa al cocco

Questo è uno splendido piatto unico che potrebbe realizzare anche una bambina di sette anni,  tanto è semplice nell'esecuzione. E' proprio da Maisie, figlia settenne dello chef e food editor Barney Desmazery, che ho preso spunto per questa ricetta, pubblicata sul numero di luglio 2013 del mensile Good Food. Alle pagine 108 e 109, infatti,  la cara piccina viene fotografata alle prese con i satay di pollo e sembra davvero sapere il fatto suo. Buon sangue non mente! La marinata è deliziosa e credo la utilizzerò spesso con il pollo. Le spezie si mescolano perfettamente con la dolcezza del miele, la sapidità della salsa di soia e l'agro del lime. Le mie varianti sono state quelle di eliminare il burro d'arachidi (non avrei mai voluto dover correre a scocciare gli addetti del Pronto Soccorso in preda a qualche abnorme reazione allergica), aggiustare un po' le dosi , allungare il tempo di cottura degli spiedini di pollo e cuocere il riso a modo mio. Insomma, avrete già capito che non riesco a copiare diligentemente nessuna ricetta...

 SATAY DI POLLO CON RISO BASMATI E SALSA AL COCCO 


Ingredienti per 4 persone 
500 g di petto di pollo, leggermente battuto e tagliato a striscioline

Per la marinata
1 pezzetto di zenzero fresco, grattugiato
2 piccoli spicchi d'aglio, grattugiati
succo e scorza grattugiata di un lime
1 cucchiaio di miele d'acacia
1 cucchiaio (abbondante) di salsa di soia
1 cucchiaio di curry (di media intensità)
1 cucchiaio di olio extravergine (o 3 cucchiai di burro d'arachidi)

Per la salsa al cocco
200 ml di latte di cocco
1 cucchiaino di farina di riso (o amido di mais)
un pizzico di sale

Per il riso pilaf
200 g di riso Basmati
1 cucchiaio di olio extravergine
300 g circa di acqua
sale
un piccolo cilindro di porro con infilzata una mezza foglia di alloro

Per l'insalata di cetrioli
1 cetriolo
2 cucchiai di aceto di vino bianco
1 cucchiaio di zucchero di canna chiaro
qualche foglia di coriandolo (facoltativo)

Preparare la marinata: riunire in una ciotola lo zenzero e l'aglio grattugiati, il succo e la scorza grattugiata del lime, il miele, la salsa di soia, il curry e l'olio. Mescolare con cura. Farvi marinare le striscioline di pollo per circa 3 ore, dopo di che, scolarle dalla marinata (conservare ciò che resta per la salsa di accompagnamento) e infilzarle su degli stecchi di legno, precedentemente messi in ammollo in acqua fredda. Cuocere in forno a 190°C (in teglia appena unta d'olio) per una ventina di minuti, girando a metà cottura. 

Nel frattempo, preparare la salsa al cocco: mettere in un pentolino il latte di cocco con la farina di riso. Mescolare con un frustino per sciogliere bene il composto; aggiungere la marinata avanzata. Portare sul fuoco e cuocere, a fiamma debole, per qualche minuto. Aggiustare di sale e conservare al caldo.
Per il riso pilaf:  mettere il riso in un colino e lavarlo  con cura sotto acqua corrente, fino a  quando l'acqua risulterà trasparente.  In una padella antiaderente far scaldare un filo d'olio con il porro e la foglia di alloro. Farvi tostare il riso per qualche minuto, indi coprirlo a filo con l'acqua bollente, leggermente salata. Chiudere con un coperchio e far cuocere per il tempo indicato sulla confezione. Al termine, sgranare il riso con una forchetta.

Per l'insalata di cetrioli (serve a ripulire il palato): lavare il cetriolo; sbucciarlo e tagliarlo per il lungo a striscioline, servendosi di una mandolina o di un pelapatate. Mettere il ricavato in una ciotola; condire con una salsa preparata mescolando insieme l'aceto bianco e lo zucchero. Per un tocco di colore, si possono aggiungere dei pomodori datterini tagliati a metà. Decorare con qualche foglia di coriandolo.

Annota bene: i satay di pollo si possono cuocere anche in padella.



6 commenti:

  1. confesso che la salsa al cocco non l'ho mai assaggiata, devo provvedere perchè l'aspetto di questo piatto mi stuzzica molto! Buona settimana Eu, un bacione....

    RispondiElimina
  2. Che buono,e' un peccato che tu sia allergica alle arachidi,anche se sono sicura che nella versione nut free e' ugualmente buono.Anche se non penso sia piu' li,c'era un posticino a Borough Market (l'istinto mi dice che conosci Borough) ,vicino a Konditor and Cook,dove facevano un ottimo satay,anche se un po' piccante!!Da fare a casa,vorrei provarlo anch'io senza arachidi.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  3. Che buoni!!
    Anche a me piace cucinare con le spezie!!
    Ho un campionario di roba nella mia scatola speciale che mi chiama ogni volta!!
    Questi li provo di sicuro, e dato che per fortuna non sono allergica alle arachidi userò anche il burro!!
    Ciaoo!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie ragazze! Immagino che con il burro d'arachidi la marinata acquisti qualche punto e sia senz'altro piu' fedele alle sue origini orientali, ma anche con l'olio si difende bene.
    Edith, mia figlia, finito l'anno a Londra, e' tornata in Italia ed ha trovato lavoro, ma un viaggetto nella capitale e' sempre nei nostri programmi e una tappa al Borough Market la faremo di sicuro. A noi era piaciuto un ristorante con specialita' pesce, mi sembra si chiamasse Fish (che fantasia, eh?), dove abbiamo pranzato un paio di volte con del pesce freschissimo, ottimo e abbondante, ma a un buon piatto di cibo etnico non resistiamo, arachidi escluse :)

    RispondiElimina
  5. stupendamente invitante e anch'io non piangerei sulla mancanza delle arachidi. Autentiche, ma...

    RispondiElimina
  6. Isa cara, tu sì che mi capisci!

    RispondiElimina