Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 31 luglio 2013

Koftas di vitello

Le koftas sono polpette speziate a base di carne macinata, solitamente agnello, di origine medio-orientale. A differenza delle nostre, tondeggianti, la loro  forma è stretta e allungata. Si possono cuocere sul grill o al forno e accompagnare con insalate, cous-cous o riso basmati. A me piacciono molto, anche perché, cambiando tipo di carne o variando le spezie, si ottengono sempre polpette dal sapore diverso. 

KOFTAS DI VITELLO 



per 3 o 4 persone

450 g di polpa di vitello,  tritata
20 g di cipolla rossa, tritata
la scorza grattugiata di 1/2 limone, biologico
sale, pepe
1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere
1/2 cucchiaino di cumino in polvere
1 cucchiaino di paprika dolce
1/2 cucchiaino di Ras el Hanout
un pizzico di pepe di Caienna
1 cucchiaino di olio d'oliva
un ciuffo di prezzemolo tritato

Mescolare a lungo la carne con la cipolla tritata, le spezie, un buon pizzico di sale, una macinata di pepe, il prezzemolo e l'olio. Quando l'impasto sarà ben amalgamato, prelevarne una piccola quantità, grande all'incirca come un uovo, e formare una polpetta leggermente allungata. Infilzarla su uno spiedino di legno, precedentemente ammollato in acqua per una mezz'ora (serve ad evitare che si bruci nel forno), facendola ben aderire con le dita unte d'olio. Proseguire allo stesso modo con il resto dell'impasto. Disporre gli spiedini dentro una teglia da forno, cuocendole a 180°C per una mezz'oretta.
Si possono servire con un'insalata di pomodori e cetrioli o disporli sopra una porzione di quinoa al curry.

3 commenti:

  1. un ottima alternativa alle polpette belle e speziate

    RispondiElimina
  2. Ciao, Carmine! Grazie del commento.

    RispondiElimina
  3. Qualcosa di delizioso!
    Noi le abbiamo in menù per l'8 agosto, serata dedicata alla cucina africana.
    Le proporremo accompagnate da riso, ma anche fagioli al cocco.
    Una cucina adeguata alle temperature africane di questi giorni;))))

    RispondiElimina