Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 8 aprile 2013

Pesto di piselli, fave e menta

Approfittando della comparsa sul mercato dei primi piselli e delle fave fresche, segno tangibile della primavera in arrivo, ho improvvisato questo pesto di legumi molto leggero e delicato che, in combinazione con il sapore deciso del pecorino, ha incontrato il favore dei miei commensali del giorno di Pasqua. Avevo anche pensato di aggiungervi un po' di cipollotto o un sospetto di aglio novello, ma non ho voluto esagerare e credo di aver fatto bene. 

PESTO DI PISELLI, FAVE E MENTA 



una tazza da tè di piselli sgusciati (circa 350 g con il baccello)
una manciata di fave sgusciate
3 foglioline di menta, tritate
sale, pepe nero, olio extravergine
pecorino semi-stagionato

Scottare i piselli per 5 minuti in acqua bollente salata. Prelevarli con un mestolo forato e farli raffreddare immediatamente in acqua e ghiaccio, per preservarne il colore verde brillante. Scolarli molto bene su un foglio di carta da cucina e, successivamente, metterli nel mortaio. Scottare per 2 minuti in acqua bollente salata le fave, scolarle e togliere loro la pellicina. Metterle nel mortaio con i piselli e la menta tritata. Pestare grossolanamente i legumi, condendoli con poco sale, una macinata di pepe e un filo d'olio extravergine saporito (io uso quello di Canino). Spalmare il pesto su delle fogliette di grano, decorando con un pezzetto di pecorino semi-stagionato.

10 commenti:

  1. l'essenza della primavera! credo che copierò. Ne avevo una versione siciliana, mi sembra, ma nn così attraente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Isolina.Mi piacerebbe conoscere la tua versione siciliana; fammi sapere. A presto

      Elimina
  2. Quanti buoni regali ci fa la primavera. Un'idea molto gustosa la tua vellutata. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri sera, a tavola, stavamo dicendo la stessa cosa, Giovanna, mentre gustavamo un bel piatto di asparagi pugliesi, lessati e conditi con un filo d'extravergine e una lieve nevicata di parmigiano. Una delle cose piu' buone che la primavera ci regala, oltre, naturalmente, al risveglio della natura.

      Elimina
  3. Bellissima idea per un aperitivo, adorando i piselli questa idea la prendo in comsiderazione, mi piace proprio tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonietta carissima, grazie. Ti verra' un pesto molto delicato e particolare: anche a me piacciono un sacco i pisellini novelli.

      Elimina
  4. la vignarola, bontà romana, la crema di pecorino e menta con le fave sgusciate...questa bella tua crema..bisogna sbrigarsi a acchiappare la primavera.

    RispondiElimina
  5. Vero, Artemisia, con questo clima balzano e' un attimo uscire dall'inverno ed entrare nell'estate. Povera primavera! Per acchiapparla al volo, sabato sono andata ad una mostra florovivaistica e dal mio preferito "Vivaio La Campanella", di Padova", ho acquistato una nuova, stupenda rosa rampicante. Come si dice: c'e' sempre posto per una nuova rosa in giardino :)

    RispondiElimina
  6. i miei ricordi si erano ingarbugliati. Niente Sicilia, credo piuttosto Liguria. E la ricetta prevedeva solo fave, alle quali io avevo aggiunto i piselli. Quindi fave sgranate, piselli tenerissimi sgranati, grana grattato, aglio fresco in erba, menta, olio d'oliva e uova sode. In una ciotola si mettono i tuorli delle uova e si schiacciano bene, si aggiunge un poco di sale, il formaggio e l'olio e si riduce tutto in crema.A questa crema si aggiunge l'aglio tritato finissimamente con la menta, quindi i piselli e le fave pestate (io verament le ho messe nel robot). Su pane tostato

    RispondiElimina
  7. ottimo suggerimento, come al solito. una visita da te è come una boccata d'aria fresca, grazie Eugenia

    RispondiElimina