Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 31 agosto 2012

Le Bistrot Gourmand. Nizza (Francia)

Laurence e David Vaqué - foto presa dal sito
Le Bistrot Gourmand

C'è un tocco molto femminile nell'accoglienza e nella cura con cui è apparecchiata la tavola in questo delizioso ristorante situato nel cuore di Nizza, a due passi da place Masséna. Arredamento moderno giocato sui toni pastello, grandi specchi e lampadari Philippe Starck connotano questo locale aperto alla fine del 2010 ma che può già fregiarsi di un prestigioso riconoscimento: una stella Michelin nella guida 2012. I proprietari sono due sposi, Laurence e David Vaqué; lei dirige la sala con una cortesia e modestia uniche, lui cura in maniera impeccabile la cucina. La coppia, dopo aver lavorato a lungo da Jacques Rolancy, a Les Viviers, ha deciso di aprire una sua insegna e devo dire, per quel poco che ho gustato da loro, che gli allievi hanno eguagliato il maestro. Una cucina moderna, mediterranea, fatta con prodotti di stagione; leggera e con un rapporto qualità-prezzo davvero buono. Per fare un esempio, noi abbiamo cenato con il menu Plaisirs (tre portate) a 29 euro a persona, più il vino, una bottiglia di Petit Chablis (22 euro) e l'acqua. Un indirizzo da registrare con cura nel taccuino della "tavole raccomandabili".



L' amuse-bouche della casa: una crema di carote accompagnata da una gelatina di pomodoro. Ricordo con vero piacere la consistenza vellutata e il sapore delicato ma pieno della crema.

Tartare di salmone su coulis di pomodoro e sfoglietta alla clorofilla. Il pesce, leggermente marinato allo zenzero, è arricchito da un trito di erbe aromatiche. La presentazione è molto curata.


Come secondo, un trancio di branzino arrosto appoggiato su del peperone alla griglia farcito di crema di melanzane. Un contorno insolito ma molto indovinato, con tutto il profumo della cucina provenzale.

Per concludere, una moderna pesca Melba: cotta intera; servita su un coulis di lamponi e guarnita da ciuffi di panna montata e scaglie di mandorla tostata. A fianco, il gelato alla vaniglia fatto in casa.

Place Masséna. La fontana del sole con la statua di Apollo.

Quest'anno, ancor più che negli anni precedenti, ho notato che in Costa Azzurra vanno molto i piatti della tradizione italiana. I risotti soprattutto, insieme alle paste ripiene e all'ossobuco, sono molto presenti nei menu dei ristoranti di buon livello e sono cucinati con grande cura.

Le Bistrot Gourmand
3 Rue Desboutin
06300 Nice, France
04 92 14 55 55

9 commenti:

  1. però dillo che vieni da queste parti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Lady! Di solito, viaggio in incognito... :))))

      abbraccio

      Elimina
  2. Un ristorante molto carino e i piatti presentati, sono fantastici. Grazie per la segnalazione, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Giovanna. Mi ha molto colpito la sollecitudine della prorietaria: le ho telefonato dalla macchina per fare la prenotazione ma, proprio mentre le stavo facendo lo spelling dell cognome, la comunicazione e' saltata perche' stavamo entrando in una galleria. Poco male, mi sono detta, la richiamero' quando arriviamo in citta'. Invece lei, gentilissima, di li' a poco mi ha telefonato per perfezionare la prenotazione. Segno evidente che ci tiene al cliente. Quanti lo avrebbero fatto?

      Buona domenica.

      Elimina
  3. Sto commentando con mio marito sulla bontà di questi piatti e sull'evidente ottimo rapporto qualità prezzo. Qui in zona in ristoranti con una stella si spende quasi il doppio di quanto hai pagato lì.
    Grazie per la segnalazione cara Eugenia.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ciao, carissima Bruna. Ti devo dire sinceramente che anche noi siamo stati piacevolmente sorpresi dal prezzo. E' anche vero che c'erano altri menu piu' costosi ma sempre abbordabili. Pensa che noi avevamo l'albergo ad Eze Village, in collina, e quasi ogni sera andavamo a cena in un ristorantino di La Turbie che, pur essendo citato dalle guide, era proprio alla buona e con una cucina genuina ma non certo ricercata come quella del Bistrot Gourmand. Ebbene, i conti non erano troppo dissimili. Non so se questa sia una politica del BG per farsi un nome e attirare una clientela piu' vasta, ma ben venga! Di sicuro noi ci torneremo.
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  5. ottima segnalazione, ho già preso nota!!
    eze village... un sogno!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Grazie, Cristina. Eze e' davvero bellissima.Un abbraccio

    RispondiElimina