Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 8 maggio 2017

Minestra di riso e bietole (Minestra de ris cônt j erbett)

Pare che questo mese di maggio sia iniziato all'insegna del tempo balordo. Giornate calde e soleggiate si alternano a quelle di pioggia a scroscio, vento e temperature in picchiata. Se vi capita una di queste, niente di meglio che riscaldarsi con una minestrina leggera, fatta con il riso, i porri e le tenere bietole primaverili. Un tuffo nei sapori dell'infanzia, ve lo garantisco! E, come diceva in modo forse un tantino greve ma efficace, l'ottimo Gianni Brera nel suo "La Pacciada", scritto a quattro mani con Luigi Veronelli: "Ris cônt j erbett, el cü semper nett", forse alludendo ad un blando potere lassativo della verdura.
MINESTRA DI RISO E BIETOLE

Ingredienti per 4 persone
1 porro, solo la parte bianca
1 cipollotto, con parte del gambo verde
1 cucchiaio d'olio
1200 ml di acqua salata (o brodo vegetale)
4 pugni di riso
400 g di bietole di primo taglio
1 noce di burro
parmigiano grattugiato, ab libitum

Procedimento
Lavare con cura le bietole, cambiando l'acqua almeno due volte. Eliminare i gambi; radunarle in un mazzetto e tagliarle a julienne piuttosto sottile. Privare della prima guaina il porro e il cipollotto, lavarli con cura e affettarli finemente. Nella pentola, versare un filo d'olio e farvi sudare per qualche minuto  il porro e il cipollotto. Coprirli con l'acqua bollente salata (o il brodo vegetale) e, subito dopo, gettare il riso. Trascorsi 5 o 6 minuti, unire le bietole. Una volta cotto il riso, spegnere il fornello. Aggiungere la noce di burro e 4 cucchiaini di parmigiano grattugiato. Mescolare e lasciar riposare un minuto. Servire tosto, mettendo in tavola la formaggiera.


4 commenti:

  1. Amo tutti i piatti di riso e verdure, questo poi sa tanto di casa, di nonna e di tradizioni. Quasi quasi lo rifaccio, con l'aglietto però.

    RispondiElimina
  2. Ottima idea. Ce lo volevo mettere anch'io, ma la pigrizia ha prevalso ;-)

    RispondiElimina
  3. i "veri" piatti di riso...

    RispondiElimina