Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 29 aprile 2015

Gingerbread Cake

Il post di Artemisia sul suo gingerbread mi ha fatto ricordare questa ricetta, che avevo preparato due anni fa in occasione delle festività natalizie. Fino ad ora, era rimasta nei recessi del mio archivio poiché, a volte, se una preparazione non incontra il mio favore al 100% preferisco non pubblicarla sul blog. In questo caso, la nota (secondo me) stonata, stava nel forte retrogusto di liquirizia, dovuto alla massiccia presenza della melassa nera. A onor del vero, il dolce era stato gradito da una buona percentuale di persone che l'avevano assaggiato, ragion per cui mi sono decisa a rendervene partecipi. Mi vien da fare una domanda: voi (blogger), pubblicate tutto quanto preparate e fotografate o fate una dura selezione, in base ai vostri gusti?

GINGERBREAD CAKE - TORTA DI PAN DI ZENZERO
Ricetta di Mary Berry

Ingredienti per uno stampo rettangolare 24x28 cm.
250 g di burro
250 g di zucchero di canna scuro
250 g di melassa nera
375 g di farina
5 cucchiaini di zenzero in polvere
2 cucchiaini di cannella in polvere
un pizzico di sale
2 uova
3 pezzi di zenzero sciroppato, grossolanamente tritato
200 ml di latte fresco
2 cucchiaini di bicarbonato

Imburrare un foglio di carta forno e disporlo in una teglia. Fondere il burro con lo zucchero di canna e la melassa, finché il composto diventa cremoso. Far intiepidire, poi aggiungere la farina setacciata con le spezie e un pizzico di sale. Amalgamare bene. Unire le uova, leggermente sbattute, e lo zenzero sciroppato, grossolanamente tritato. Far scaldare il latte (non deve bollire) e sciogliervi dentro il bicarbonato. Versare nell'impasto, mescolando con cura. Distribuire nella teglia preparata, cuocendo in forno a calore moderato (150-160°C) per circa un'ora. Sfornare; far riposare qualche minuto in teglia, poi rovesciare su una gratella, togliendo la carta forno. Una volta raffreddato, avvolgere il gingerbread in un doppio strato di carta forno e alluminio (o metterlo in una scatola con coperchio a tenuta ermetica) e lasciarlo ad affinare per 2 o 3 giorni, per permettere a tutti gli aromi di amalgamarsi tra loro. Tagliare poi a cubetti e servire. Volendo, si possono decorare i cubi con un po' di glassa, fatta con zucchero a velo e poco albume,

Annota bene: è un dolce che si conserva per qualche giorno. Se non si intende mangiarlo tutto subito, è meglio non decorarlo perché i disegni con la glassa, tenuti troppo a lungo a contatto con la superficie umida e bruna del pandizenzero, tendono a scurire.

9 commenti:

  1. Un classico che io mangio sempre volentieri, buonissimo :) Un bacio!

    RispondiElimina
  2. Amo,amo,amo il gingerbread.Ed amo anche il treacle,che sono capace di mangiare "nature" col cucchiaio.(ottimo sul porridge,lo preferisco di gran lunga al piu' tradizionale golden syrup).
    Se ce la faccio(raramente)faccio riposare il gingerbread per 3 giorni ,prima di mangiarlo.La sua texture cambia ed una fetta,spalmata di burro,e' una delizia! Per quanto riguarda le ricette pubblicabili,il 40% di quelle che provo,ahime',le boccio......Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria ed Edith, come dicevo alla mia amica Artemisia, vorrei dare un'altra possibilita' a questo dolce ma ho seri dubbi sull'uso della melassa. Mi sa che optero' per un buon miele artigianale, con buona pace della tradizione. Edith, ma come fa a piacerti cosi' tanto?
      PS Mi consolo sulle tue percentuali :)

      Elimina
  3. Adoro questo dolce!!!
    Solo che credo di non averlo mai realmente provato con gli ingredienti originali!!
    No, pubblico solo quello che mi è piaciuto molto o riuscito particolarmente bene, poi ecco, non sono una cuoca professionista quindi credo che ogni mia ricetta sia passibile di critiche!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, vedo che sono in buona compagnia :)

      Elimina
  4. Eugenia, io ormai quando provo qualcosa so giá che, più o meno, mi piacerá, non rischio... però a pubblicare non se ne parla, se non ho voglia le foto rimangono dove sono... anche a me il hinger bread piace e con la melassa ;)))

    RispondiElimina
  5. Giulia, sono sulla tua stessa lunghezza d'onda. Mannaggia, devo dare un'altra possibilità a questa famigerata melassa. Ormai, è diventata una questione d'amor proprio: possibile che faccia schifo solo a me? ;)

    RispondiElimina
  6. da mangiare a go go la zenzero ha un attrazione irresistibile

    RispondiElimina