Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 23 maggio 2014

Toast di gamberi e sesamo

Il toast di gamberi e' un classico antipasto della cucina cinese e ricette come questa se ne possono trovare in tanti libri di cucina orientale, compreso quello di Ken Hom che ho menzionato di recente. Alle prese per la prima volta con questo snack, mi sono affidata alla grande esperienza di Angelo Principe, seguendo fedelmente la sua ricetta. 

TOAST DI GAMBERI E SESAMO
(ricetta di Angelo Principe)
Farcia
300 g di code di gambero 
60 g di albume
10 g di amido di mais
5 g di salsa di soia
5 g di aglio
4 g di sale fino

Composizione
10 fette di pan carrè (anche 11)
50 g di semi di sesamo

Sgusciare i gamberi, privarli del filo intestinale, sciacquarli e asciugarli in carta da cucina. Versarli nel robot e frullarli con il resto degli ingredienti.
Prendere le fette di pancarrè e privarle della crosta con un coltello affilato. Spalmare ogni fetta con un po' di pasta di gamberi, cospargendo con un abbondante strato di semi di sesamo, che si premeranno con delicatezza sulla superficie per farne uno strato compatto. Procedere allo stesso modo fino ad esaurimento degli ingredienti. Tagliare ogni fetta in due triangoli, appoggiare il pane su una placca ricoperta di carta forno e cuocere a 240° C per circa 10 minuti.

Annota bene: alla prova dei fatti, consiglio di tagliare ogni fetta in 4 triangoli; oltre ad essere più carini visivamente, una minore quantità permetterà di apprezzarli al meglio. 

9 commenti:

  1. non li ho mai assaggiati, ma mi ispirano moltissimissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono anni che vedo in giro la ricetta ma solo adesso mi è venuta voglia di provare.Bacioni.

      Elimina
  2. bella idea sfiziosa Eugenia, Buon we !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Chiara, passato un buon w.e.? Ieri è stata una giornata estiva, oggi sembra autunno...

      Elimina
  3. Letteralmente li adoro, peccato che di solito li friggano in olio strausato e si sente!!
    Brava Eugenia, devono essere meravigliosi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Silvia, queste cose è meglio farsele a casa: fritte o al forno sranno cento volte più digeribili. Abbraccio.

      Elimina
  4. sperimentatrice instancabile :)

    RispondiElimina
  5. Interessantissima ricetta! Una ne pensi e mille ne fai!
    Sorrisi per te:-D

    RispondiElimina