Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 18 marzo 2014

Caviale di melanzane

Perché questa purea di melanzane venga chiamata "caviale" non l'ho mai ben capito, poiché non ne ha né il colore né il sapore, tuttavia è sempre uno snack apprezzato in casa nostra, specie al momento dell'aperitivo domenicale, quando non si vuole indulgere in cose troppo saporite o caloriche che rovinerebbero l'appetito. In questa occasione, ho cotto la melanzana con un paio di spicchi d'aglio in camicia i quali, oltre a profumare la cucina, una volta sbucciati hanno insaporito delicatamente il "caviale".
 
CAVIALE DI MELANZANE




Ingredienti per una ciotolina
1 melanzana tonda
2 spicchi d'aglio, piuttosto polposi
qualche rametto di timo
sale, pepe nero
olio extravergine di oliva
succo di limone q.b.
Accendere il forno a 180°C e foderare una teglietta con della carta alluminio. Lavare la melanzana, privarla del picciolo e tagliarla in quarti. Incidere ogni quarto con dei tagli in diagonale, senza arrivare alla base. Salare e pepare la superficie, inserendo nelle incisioni qualche rametto di timo. Irrorare con un goccio d'olio, mettendo accanto alla melanzana i due spicchi d'aglio, con la pelle. Cuocere per circa 30 minuti, o finché l'ortaggio sarà morbido e fondente, girando i pezzi a metà cottura. Togliere dal forno ed eliminare la buccia. Tritare finemente la melanzana con un coltello, aggiungendo la polpa degli spicchi d'aglio sbucciati che, cuocendo dolcemente in forno, avrà assunto un sapore amabile. Mettere in un setaccio a perdere l'acqua di vegetazione. Trascorsa un'oretta, rovesciare il ricavato in una ciotola; regolare di sale, profumare con qualche fogliolina di timo e una macinata di pepe, aggiungendo 2 cucchiaiate di olio extravergine e un po' di succo di limone, fino a raggiungere il giusto equilibrio di sapori. Far riposare 2 o 3 ore al fresco. Servire a temperatura ambiente, accompagnando con crostini di pane tostato, pane pita, crackers.

Altre varianti sul tema:

13 commenti:

  1. Ah, brava, il caviale di melanzane...lo mangiavo dai miei anni fa e non me lo ricordavo più, grazie che mi hai rinfrescato la memoria gustativa
    un caro saluto
    Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te che mi hai rinfrescato la memoria sul brandacujun :)))

      Elimina
  2. Buonissimo, lo faccio spesso, io ci metto la menta di solito ma con il timo lo provo la prossima volta!! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, talvolta, ci metto la menta e trovo ci stia benissimo.

      Elimina
  3. Piatto molto curioso e, per me , nuovo..
    Mi piacerebbe molto provarlo e credo proprio che mi cimenterò :)
    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria, è un piatto molto semplice ma gustoso. Lo puoi insaporire con delle spezie (cumino in primis, ma anche paprika o coriandolo) e con l'aglio fresco, grattugiato (in modica quantità). Anche alcune erbe aromatiche si prestano. E' una preparazione in uso in tutto il bacino mediterraneo, con ampie variazioni. Un abbraccio e, mi raccomando, se lo fai, fammi sapere che te ne pare.

      Elimina
  4. è sempre un idea che mi piace molto inverno ed estate, lo proverò cosi io ci metto qualche volta lo yogurt greco èer renderlo più cremoso

    RispondiElimina
  5. È il caviale dei poveri( non potendosi permettere quello vero).
    Conservo questa ricetta da tanti anni ma,pur avendola più volte preparata ,non l'ho mai fotografata.
    Grazie per avermela ricordata,e' buonissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Maria. Pensandoci bene, oltre al nome un po' ironico, come giustamente sottolinei, forse gli somiglia per la consistenza. Ad ogni modo, è davvero un buon snack.
      A presto.

      Elimina
  6. Io lo faccio spesso ma in stagione, non per purismo ma perché uso il barbecue e le melanzane possono stare, secondo me, con i peperoni, ad abbrustolirsi prima che le braci siano a puntino per cuocere il resto (parlo di bbq caricato a legna) e poi monto, però, quasi come una mayonnaise. Che bono! Mi annoto quella dell'aglio, che magari potrò cucinare al forno (ovviamente nel corso di altre cotture). Grazie!

    RispondiElimina
  7. Hai ragione, Claudia, sul barbecue sono una cosa fantastica. Io, che come sai ho quello a gas, in stagione ci cuocio spessissimo le verdure- avvalendomi del comodo coperchio - e peperoni e melanzane vengono fantastici. Ottima idea quella di montare la crema come una maionese.
    PS se vuoi, oltre che con l'aglio, puoi aromatizzare con lo scalogno, sempre cotto allo stesso modo.
    A presto.

    RispondiElimina