Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 19 febbraio 2017

Menu di domenica 12 febbraio 2017. Ossobuco a La Belle Auberge, protagonista in tavola

Gli ossibuchi con il risotto giallo sono un piatto che piace a tutti i componenti della mia famiglia ed e'  per questo motivo che sono ospiti frequenti nei miei menu invernali. Domenica scorsa ho imbastito un menu eterogeneo, non molto ortodosso se vogliamo, vista la presenza del guacamole, come poco ortodossa e' la mia ricetta dell'ossobuco in quanto io metto anche un po' di polpa di pomodoro, con buona pace dei milanesi e di chi nutre un reverenziale timore nei confronti delle ricette classiche. Per concludere in dolcezza, ho presentato una nuova torta di mele, di cui spero di ritrovare gli appunti perché il risultato e' stato estremamente buono.
Menu per 5 persone
Guacamole (senza uovo sodo) con triangoli al mais
Oss büs con risotto giallo
Torta di mele  12

Vini
Spumante Brut Millesimato Cesarini Sforza
Chianti Classico Riserva 2012 Villa di Zano

7 commenti:

  1. ottimo! ho nel congelatore l'osso buco. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, Erika, anche tu un'amante dell'ossobuco? ;-)

      Elimina
  2. un menù molto interessante e quell'ossobuco è molto invitante ! Buona settimana, un bacione

    RispondiElimina
  3. i puristi che insistono che NO, assolutamente No pomodoro negli ossibuchi poco conoscono di cucina lombarda, nel senso che esistono, da sempre, versioni di questo piatto super famigliare che contemplano una puntina di concentrato. anche Veronelli_Brera hanno un sospetto di pomodoro. S

    RispondiElimina
  4. Come hai ragione, Stefano! Ricordo discussioni accese su questo ingrediente, ma io credo che le ricette famigliari siano molto più autentiche di tutte quelle depositate presso questa o quella Camera di Commercio. Una versione mi piacerebbe provare: quella che prevede la cottura dell'ossobuco in forno. Dicono venga molto bene ma a me da' l'impressione che sia una cosa più da ristorante che da casa privata.

    RispondiElimina
  5. anche se poco italiana, anche io preferisco la cottura in forno, soprattuto di brasati e legumi... in generale si ha più controllo della temperatura (anche il ragù è molto buono in forno). si allungano i tempi ovviamente. al ristorante tutto era cotto in forno e poi spesso spadellato alla fine per dare colore, tipo il pollo. penso che un taglio come ossobuco ne possa guadagnare... ovviamente poi ci sarebbe tutto il capitolo sousvide... che io sto adocchiando da anni ormai.. ma mangio poca carne e quindi non mi convinco mai... ma ne leggi meraviglie in rete (da non molto anche trattoriadamartina ne ha parlato)... se mangi abbastanza carne e pesce, tipo più volte la settimana, vale la pena spendere (magari sotto natale, quando ci sono offerte)... io mangio molta meno carne e quindi sono titubante.....e poi, in generale, mi piace molto controllare, sollevare coperchi, aprire il forno... che con il sous vide non si può fare (come per la pentola a pressione), ma, ripeto, per le carni sembra faccia miracoli. ste

    RispondiElimina