Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 21 ottobre 2015

Torta di mele 6

Come avevo anticipato all'amico StefanoA , per arrivare a questo risultato, non ancora definitivo, ho  rifatto la torta tre o quattro volte perché la ricetta da cui ero partita - un Gâteau Breton aux Pommes, trovata sul sito di una rivista americana - presentava diverse differenze. Innanzitutto, nell'originale, si diceva di appoggiare parte delle mele cotte sul fondo dello stampo; versare un po' di pastella; inframezzare con altre mele e coprire con il rimanente impasto. La torta si doveva poi presentare capovolta, con le mele in superficie. Risultato: un'impressione disordinata, con le fettine di mela un po' scomposte che, per giunta, al momento del rovesciamento tendevano ad attaccarsi allo stampo (infatti, nella foto sul sito, le mele sono strategicamente coperte da una buona dose di crème fraîche). Ho provato a fare uno strato di pastella, uno di mele, uno di pastella e il resto delle mele in superficie, ma nemmeno quella mi convinceva a fondo. Poi ho pensato di mettere parte delle mele crude, quelle in superficie, ma nemmeno lì ho ottenuto l'effetto desiderato. Infine, siccome la torta mi sembrava persino troppo carica di burro e zucchero, ne ho leggermente diminuito le dosi; ho mescolato parte delle mele all'impasto e il resto l'ho messo a decorazione, cercando di disporre le fettine in bell'ordine. Quando pensavo di ritenermi ormai soddisfatta del risultato, domenica scorsa ho provato un'altra ricetta di torta di mele che mi ha conquistata  al primo morso (e con me anche il marito). Cari lettori, rimanete collegati perché, a breve, vi renderò partecipi della ricetta della mia nuova torta di mele preferita. Per adesso, s'intende, perché la mia ricerca non si ferma qui.

 TORTA DI MELE 6

Ingredienti per uno stampo, con bordo a cerniera, da 24 cm di diametro 
150 g di burro, liquefatto e freddo, più un extra per imburrare lo stampo
130 g di farina 00, più un extra per spolverare lo stampo
2 cucchiaini da caffè (7g) di lievito per dolci
4 mele (circa 950g) Golden, acerbe
180 g di zucchero
 un pizzico di sale
la scorza grattugiata e il succo di 1/2 limone, non trattato
3 uova grandi
poca composta di albicocche, per lucidare le mele

Preriscaldare il forno a 175°C. Imburrare e infarinare lo stampo. Lavare, sbucciare e tagliare le mele a fettine di circa 1/2 cm di spessore. Prelevare, dalla quantità totale,  2 cucchiai di burro fuso e metterli in un largo tegame. Unire le mele; cospargerle con il succo di limone e 2 cucchiai di zucchero (sempre prelevati dalla quantità totale) e farle cuocere, a fiamma vivace, fino a quando saranno leggermente dorate. Occorreranno circa 10-12 minuti. Metterle su un piatto a raffreddare. Montare, con le fruste elettriche, le uova con il resto dello zucchero, fino ad ottenere un composto gonfio e chiaro. Unire la farina - setacciata con il lievito - il pizzico di sale e la scorza di limone. Infine, piano piano, incorporare il burro fuso. Mescolare alla pastella un po' meno della metà  delle mele e versare tutto nello stampo. Decorare la superficie del dolce con gli spicchi di mela rimasti, disponendoli in cerchi concentrici. Cuocere per circa 40-45 minuti, fino a quando uno stecco inserito al centro ne uscirà pulito. Lasciare raffreddare il dolce e lucidarlo con un po' di composta di albicocche, precedentemente sciolta in un pentolino con un po' di acqua.

3 commenti:

  1. ...ammazza meglio di un giallo 'sta storia della nuova torta di mele! attendiamo. questa comunque mi ispira molto: generosa di burro, che, si sa, va d'accordissimo con le mele. st

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina