Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

mercoledì 8 luglio 2015

Fichi al Marsala con zabaglione e pistacchi

Fatta la debita premessa che a me i fichi piacciono al naturale, specie i settembrini con la buccia blu e la polpa dolcissima che mi regala sempre lo zio Luigi, la ricetta in questione può essere interessante per consumare quei fichi da supermercato un po' insapori, come i fioroni in vendita in questo periodo. Il frutto, cotto in un liquido aromatico, acquista personalità e lo zabaglione che lo riveste lo rende qualcosa di speciale. Ho seguito fino ad un certo punto la ricetta di Ramsay, divergendo sul metodo di preparazione dello zabaglione; inoltre ho preferito creare un contrasto tra i fichi caldi e lo zabaglione freddo. Decisamente indovinata l'aggiunta dei  croccanti pistacchi, che danno anche una bella nota di colore.

FICHI AL MARSALA CON ZABAGLIONE E PISTACCHI


Dosi per 4 persone

Per i fichi al Marsala
8 fichi fioroni
burro q.b.
3 cucchiai di Marsala secco
50 g di zucchero di canna scuro
succo e scorza grattugiata di 1/2 arancia
una manciata di pistacchi; spellati, tostati e grossolanamente tagliati
1/2 stecca di vaniglia (facoltativo)

Per lo zabaglione
4 tuorli d'uovo
60 g di zucchero a velo
scorza grattugiata di 1 limone
75 ml di Marsala secco

Accendere il forno a 160 gradi. Spalmare generosamente di burro una pirofila da forno che possa essere presentata in tavola. Lavare e asciugare i fichi; levare il peduncolo e praticare in ognuno due tagli in croce, partendo dall'apice ma senza arrivare al fondo. Schiacciare delicatamente la base di ogni fico sul fondo della pirofila, in modo da aprirlo come un fiore. In una ciotolina, mescolare il Marsala con lo zucchero, la scorza e il succo dell'arancia; versare il preparato sui fichi. Aggiungere, volendo, la mezza stecca di vaniglia, che darà un ulteriore profumo. Cuocere in forno per 10 minuti; togliere la pirofila; irrorare i frutti con il loro fondo di cottura e rimettere in forno per altri 5-10 minuti. Nel frattempo, preparare lo zabaglione: mettere sul fuoco una casseruola con dell'acqua e portarla quasi a bollore. In una ciotola che possa appoggiare comodamente sul bordo della casseruola, sbattere i tuorli con lo zucchero. Portare sul fornello e cominciare a battere il composto con un frullino elettrico finché i tuorli diventeranno gonfi e chiari (badare che il fondo della ciotola non venga in contatto con l'acqua bollente). Aggiungere la scorza del limone e il Marsala, continuando a battere fino a formare un composto denso e tiepido. A questo punto, io mi discosto dal procedimento di Ramsay (che prosegue l'operazione sul fornello, fino a rassodamento):  tolgo la ciotola dal bagno-maria, verso il preparato nella ciotola del Kenwood e frullo a media velocita' per una decina di minuti, fino a raffreddare lo zabaglione.
Per servire, versare lo zabaglione freddo sui fichi tiepidi (eventualmente riscaldati un attimo nel microonde), cospargendo con il trito di pistacchi.

5 commenti:

  1. Che squisitezza Eugenia, anche io i fichi li amo al naturale ma questa proposta è favolosa!!
    Buona serata!!

    RispondiElimina
  2. concordo: i fichi perfetti si mangiano al naturale, con tutti gli altri si fanno "cose"...
    ...coincidenza: ieri, mettendo a posto libri, mi sono segnato una ricetta per fichi gratinati, ricetta di Richard Olney, da queste parti (in UK e US voglio dire) figura leggendaria. Gratin di fichi che non rifaccio da anni ma che ricordo eccezionale: i fichi, tagliati a meta', devono stare stretti stretti in un gratin,alla base del quale si versa un filo d'acqua. sui fichi un goccio di Chartreuse (ma io sempre usato rum o amaretto), un goccio di mele, e un mezzo cucchiaino di panna molto spessa per fico (ma anche mascarpone). in forno caldissimo (con grill ON meglio) fino a quando i liquidi alla base sono tutto un ribollire. servire caldo/tiepido con un buon vino dolce. stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi cospargo il capo di briciole di pan di Spagna ;-) ma...cavolo!...non conoscevo questo Richard Olney (una rapida occhiata nel web ed ho cominciato ad erudirmi su di lui). Mi piace il suo gratin di fichi; e' uno di quei dessert alla frutta che ti risolvono una cena.
      Grazie come sempre per gli spunti.

      Elimina
  3. stragolosa questa ricetta, anche io amo i fichi di settembre ma se trovo gli altri provo già adesso questa tua ricetta !

    RispondiElimina