Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 4 agosto 2014

Okra fritta in pastella speziata con salsa agrodolce


Avviso ai lettori. Questo post viene inserito automaticamente dal sistema, come pianificato in precedenza.  Sono ancora in vacanza - e con qualche difficoltà di collegamento -  per cui le risposte ai vostri gentili commenti potrebbero essere pubblicate in ritardo. Per il momento, un augurio a tutti di serene vacanze e scusate per il disagio. 
Eugenia

Recentemente,  con i carissimi Francesco e Pinuccia,  siamo ritornati in uno dei nostri ristoranti preferiti:
l' Imperiale,  in via  Plinio a Milano, specializzato in cucina asiatica. Lo frequentiamo da tantissimi anni, sempre accompagnati da questi nostri amici che vantano un ultra decennale rapporto di stima e amicizia con i titolari: Marco - brillante chef e anima creativa del locale - ed Elena, la gentilissima moglie che sovrintende il servizio in sala. Durante la cena, ci è stato servito un menu studiato apposta per noi da chef Marco, in cui  si sono succedute una serie di portate davvero squisite e particolari. Tra le tante cose, sono stata piacevolmente colpita dall'incontro con l'okra, o gombo, un vegetale che da qualche tempo vedo occhieggiare sugli scaffali del supermercato ma che, fino a quel momento, consideravo una specie di oggetto misterioso. Ebbene, dopo averlo assaggiato fritto in tempura, accompagnato da una piacevole salsina agro-piccante, me ne sono invaghita al punto di andare, il giorno dopo, dritta a comprarlo (per la cronaca, il prodotto viene importato dal Nicaragua). Non volendo ripetere la stessa pastella - anche per non annoiare il marito - ho preso ispirazione dal mai abbastanza lodato mare magnum di internet ed ho provato questo impasto a  base di yogurt denso e farina di ceci, a cui ho aggiunto una bella nota speziata. Risultato positivo, da ripetere ancora, anche variando il tipo di verdura.

OKRA FRITTA IN PASTELLA SPEZIATA
CON SALSA AGRODOLCE


150 g di okra
Pastella
4 cucchiaiate di yogurt greco o% di grassi (200g)
2 cucchiai di farina di ceci (35g)
1 cucchiaino di Garam Masala (mix indiano di spezie)
1 pizzico di assafetida (facoltativo)
1 pizzico di pepe di Cajenna
3 dl circa di olio di arachide
sale fino

Preparare la pastella mescolando, in una ciotola, lo yogurt con la farina di ceci e le spezie. Lavare e asciugare l'okra. Spuntare l'estremità superiore e dividere ogni pezzo in quattro, tagliandolo longitudinalmente. Tamponare bene i pezzi di okra e immergerli nella pastella. Scaldare l'olio di arachide a 180°C. Tuffare l'okra nell'olio bollente, pochi pezzi alla volta, friggendo per pochissimi minuti. Non appena la verdura diventa dorata, prelevarla con una schiumarola e metterla ad asciugare su della carta da cucina. Proseguire fino ad esaurimento degli ingredienti. Solo alla fine, cospargere con del sale fino (ancor meglio con dei fiocchi di sale Maldon) e servire accompagnando con la salsa agrodolce.

Salsa agrodolce:
1 cucchiaio di olio di oliva
1 cucchiaio di salsa di soia
1 cucchiaio di aceto di riso
1 cucchiaino di miele
1 peperoncino verde, piccante

Lavare il peperoncino; asciugarlo; tagliarlo in due eliminando semi e filamenti. Tagliare ogni pezzo a striscioline e poi a dadi minuscoli. Mettere in una ciotolina il resto degli ingredienti, mescolandoli con una frustina. Completare con il peperoncino a dadini.

Annota bene: questa preparazione funziona bene come stuzzichino caldo, da servire con l'aperitivo, oppure la si può considerare un contorno insolito a dei piatti di carne o pesce. 


9 commenti:

  1. Ciao Eugenia intanto buone vacanze e grazie per la segnalazione di questo locale, che non conosco ma che provvederò a recuperare ;) e anche x questa ricettine sfiziosa...l'okra ho imparato a riconoscerla sui banchi dei fruttivendoli asiatici grazie a varie trasmissioni in cui veniva utilizzata e prossimo giro mi sa che la prendo e la preparo fritta... Ciao ciao Luisa

    RispondiElimina
  2. Bella ricetta, non conoscevo l'okra ma sono sempre felice di conoscere qualcosa di nuovo in cucina! Un bacio :)

    RispondiElimina
  3. Mai assaggiato l'okra ma in pastella sembra molto sfiziosa, la salsa agrodolce mi sa che ci sta benissimo... brava!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
  4. Voglio provare quella pastella! Magari con le mie zucchine

    RispondiElimina
  5. mai assaggiato l'okra, se lo consigli allora devo proprio procurarmelo, buone vacanze Eugenia !

    RispondiElimina
  6. buona vacanza a te, interessante quella pastella con lo yogurt greco :-)

    RispondiElimina
  7. Mi piace l'okra ma non è facile trovarla qui da me. Buona settimana

    RispondiElimina
  8. che bella ricetta, okra mi ricorda tanto il mio periodo in iraq dove è una delle verdure più acquistate

    RispondiElimina