Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 3 giugno 2014

A S.Siro in 50mila: il campo è il mondo

Ieri è stata una giornata memorabile: ci siamo trovati in 50mila allo stadio S. Siro per festeggiare, con il cardinale Scola, i ragazzi che riceveranno (o hanno già ricevuto) il sacramento della Cresima in questo anno 2014. Ragazzi, genitori, accompagnatori, catechisti e sacerdoti appartenenti alle sette Zone pastorali della diocesi (contrassegnate da altrettanti diversi colori) tutti insieme per dire alla città e al mondo che è bello essere cristiani; che è bello sentirsi amati dal Signore; che è bello avere una speranza nel cuore. Un colpo d'occhio formidabile! Più di mille figuranti hanno animato una coreografia ispirata alla lettera pastorale "Il campo è il mondo" e alla rappresentazione della "parabola del grano e della zizzania" (Mt 13,24-30). Poi c'è stato il momento della preghiera di intercessione e il gesto di carità: la raccolta delle offerte per la costruzione di un pozzo e di una fattoria a Katako, in Congo.
 
"Questi ragazzi sono qui in 50 mila perché hanno capito, alla loro piccola età, che se non c'è una direzione di cammino non si può guardare al domani"  ha detto il cardinale Angelo Scola, a margine dell'incontro. "Un fenomeno di questo genere - ha continuato Scola - è un segno di potenza e di speranza per il futuro".






3 commenti:

  1. devo dire che vedere tanta gente cosi è molto commovente uno stadio cosi pieno erano anni che non lo vedevo mi fa molto piacere

    RispondiElimina
  2. Immagino l'emozione...una giornata davvero indimenticabile...
    "è bello sentirsi amati dal Signore; ed è bello avere una speranza nel cuore"
    è importantissimo continuare a ripeterlo all'infinito....
    anche mia nipote domenica ha ricevuto il sacramento della Cresima...

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
  3. Si', visto il tempo attuale in cui sembra che la zizzania prosperi e soffochi ogni anelito di speranza nel futuro, e' importantissimo non perdere la rotta e tenere sempre fisso lo sguardo sulla nostra stella polare: Gesu' Cristo. Grazie dei gentili commenti. Anch'io mi commuovo sempre quando vado allo stadio con i cresimandi. Buona giornata.

    RispondiElimina