Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

sabato 12 ottobre 2013

Kanelbullar

Con l'arrivo dell'autunno, torna la voglia di preparare dolcetti  morbidi e profumati, ottimi per accompagnare una tazza di caffè o di tè. Leggendo il blog di Giulia Pignatelli, ho visto il suo adattamento di una ricetta dei famosi kanelbullar, o cinnamon rolls che dir si voglia, a dipendenza del luogo di provenienza. Ho deciso di farli, apportando anch'io delle piccole modifiche e seguendo il consiglio di Giulia di far lievitare l'impasto una notte intera, riducendo la quantità di lievito. Si ottengono dei buonissimi dolcetti, dal delicato profumo di cardamomo e cannella, fragranze che richiamano immediatamente alla memoria il periodo più freddo dell'anno.

CINNAMON ROLLS - KANELBULLAR 
adattamento da una ricetta di Leila Lindholm

Pasta brioche
1 cucchiaio di capsule di cardamomo verde, leggermente ammaccate nel mortaio
280 ml di latte intero
130 g di burro
135 g di zucchero
1 uovo
1 cucchiaino di sale
12 g di lievito di birra fresco
650 g di farina 0

Ripieno
40 g di burro a pomata
35 g di zucchero di canna scuro
cannella in polvere q.b.

1 uovo per spennellare

Glassa
4 cucchiai colmi di zucchero a velo
1 cucchiaio di albume


Prelevare 80 g dalla dose totale di latte, farlo intiepidire e sciogliervi il lievito. Scaldare il resto del latte senza farlo bollire e mettervi in infusione per 10' le capsule di cardamomo. Quando il latte comincerà ad intiepidire, filtrarlo e farvi sciogliere dentro il burro, lo zucchero e il sale, mescolando bene. Unire anche l'uovo, leggermente sbattuto. Versare nella ciotola dell'impastatrice il composto; aggiungere, poca alla volta, metà della farina, poi il lievito e il resto della farina. Lavorare con il gancio, a bassa velocità, per circa 10 minuti o fino a quando l'impasto si stacca dalle pareti, diventando liscio ma assai morbido. Imburrare una capace terrina e disporvi l'impasto. Sigillare con pellicola e lasciare a temperatura ambiente per un'ora circa, poi mettere in frigo per tutta la notte. Il mattino seguente, riportare a temperatura ambiente; occorreranno circa 4 ore.

Annota bene: a questo punto, io divido l'impasto in due panetti di circa 600 g cadauno, utilizzandone uno e congelando l'altro per usi futuri.  Segnalo anche la mia procedura per rianimare il secondo panetto congelato: tolto dal freezer e messo nel microonde a soli  90 W di potenza per 8 minuti. Dopo un riposo di circa 80 minuti, è pronto per la lavorazione successiva.

Stendere l'impasto in un rettangolo di 35x27 cm circa. Spalmarci sopra il burro lavorato a crema; cospargere con la cannella e lo zucchero di canna. Arrotolare per il lato più lungo in un cilindro, badando di mettere la chiusura sul fondo. Con un coltello affilatissimo, tagliare delle fette di 3 cm. Disporre le rondelle - me ne sono venute 11 pezzi - su una placca rivestita di carta forno. Far lievitare per circa 40 minuti; pennellare con un po' di uovo battuto e cuocere in forno a 180°C per circa 15-18 minuti. Farli intiepidire su una gratella, poi pennellarli con una glassa preparata mescolando in una ciotolina 1 cucchiaio di albume e 4 cucchiai colmi di zucchero a velo.
Non credo occorra aggiungere che queste briochine esprimono al meglio la loro fragranza appena fatte.

4 commenti:

  1. Sono meravigliosi Eugenia, io ne vado matta!! Ora vado anche io a curiosare, mi piace l'idea di mettere meno lievito!!
    Un abraccio e ancora brava!!

    RispondiElimina
  2. Tutti io dolci morbidi con sopra la glassa di zucchero mi fanno letteralmente impazzire.....adoro i tuoi Kanel..... nome troppo difficile da ricordare...ahahahahah
    Un abbraccio e grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  3. ma sai che non li ho mai provati mi hai fatto venire una curiosità

    RispondiElimina
  4. Bellissimi Eugenia, ti sono venuti una meraviglia!!

    RispondiElimina