Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 23 settembre 2013

Brownies di amaranto

Un dolcetto molto ghiotto che non fa rimpiangere quelli confezionati con la farina. Ho deciso di utilizzare l'amaranto perché questo pseudo-cereale, una volta cotto, assume una consistenza assai simile al semolino, perfetta, quindi, come base per dei dolci un po' umidi come i brownies. Il suo sapore, inoltre, si amalgama molto bene a quello del cioccolato e delle mandorle. 

BROWNIES DI AMARANTO

 
Avvertenze: se il dolce viene consumato da persone celiache, controllare attentamente che tutti gli ingredienti siano approvati come "gluten-free" dall'Ente certificatore .

150 g di amaranto
600 ml di acqua bollente
1/2 stecca di vaniglia
un pizzico di sale
75 g di cacao amaro
50 g di cioccolato fondente
150 g di zucchero di canna, chiaro
3 uova
2 cucchiai di olio vegetale
2 cucchiaini di lievito per dolci
130 g di mandorle, leggermente tostate e grossolanamente tagliate
zucchero a velo per decorare

Porre l'amaranto dentro un colino a maglie strette e sciacquarlo sotto acqua corrente. Metterlo in padella antiaderente e farlo tostare per un minuto. Coprire con l'acqua bollente; unire la vaniglia e cuocere per circa 20', a fiamma moderata, fino a quando avrà assorbito tutto il liquido. Far intiepidire l'amaranto (levare la stecca di vaniglia), poi versarlo nel robot e frullarlo con il cacao. Aggiungere il cioccolato fuso, tiepido, e frullare di nuovo. Unire lo zucchero, le uova, l'olio e il lievito. Frullare ancora per un minuto. Completare con i 3/4 delle mandorle a pezzi, aggiungendole all'impasto con una spatola di silicone.
Rivestire uno stampo quadrato (20 cm. per lato) con carta forno bagnata e strizzata. Versarci dentro l'impasto e decorare con le mandorle rimaste. Cuocere in forno caldo a 170/180°C per circa 35 minuti. Far raffreddare il dolce, poi tagliarlo in quadrati e spolverizzarlo con zucchero a velo. Io l'ho servito con una crema pasticciera (addensata con amido di mais) alla vaniglia.


10 commenti:

  1. mi piace molto questa idea di adoperare l'amaranto per i dolci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Carmine. E' stata una scoperta anche per me l'uso dell'amaranto nei dolci. L'avevo provato in una ricetta salata ma non mi aveva entusiasmato la consistenza.A presto!

      Elimina
  2. Che bellezza questi brownies!!
    Non ho mai usato l'amaranto, ma se il risultato e questo... è davvero da provare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, provaci perche' vale la pena trovare alternative alle solite farine con il glutine. Grazie della visita.

      Elimina
  3. confesso di non aver mai mangiato l'amaranto, non ho la più pallida idea che sapore abbia...Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante cose non conosciamo, vero Chiara? E' davvero entusiasmante questa avventura del blog. Un abbraccio

      Elimina
  4. Grande post, devo provare!
    La cucina è anche la mia passione nei tuoi articoli si può anche vedere! Saluti

    RispondiElimina
  5. ciao ti ho scoperta per caso e ne sono felice perchè le tue ricette sono golosissime quindi hai conquistato una nuova fans
    se ti va vienimi a trovare sul mio blog kreattiva ciao rosa

    RispondiElimina
  6. Ciao, Rosa, grazie della visita. Vengo volentieri a ricambiarla. A presto

    RispondiElimina
  7. Grande post, devo provare!
    La cucina è anche la mia passione nei tuoi articoli si può anche vedere! Saluti

    RispondiElimina