Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 7 maggio 2013

Insalata di quinoa con feta e mandorle tostate

Mentre la primavera continua a giocare a rimpiattino con l'inverno, ho approfittato della bella giornata di sole del Primo Maggio per offrire ai miei ospiti questo piatto leggero e nuovo, preparato con un alimento gluten-free, la quinoa, e arricchito da feta e mandorle. Con mia grande gioia, l'insalata e' piaciuta a tutti, anche a chi ignorava l'esistenza di questa pianta erbacea. L'idea l'ho presa da un vecchio numero di Good Food, apportando qualche modifica nelle dosi e nella lista degli ingredienti. Il mio pranzo prevedeva anche un secondo, un arrosto di carré disossato di vitello con contorno di asparagi, per cui la dose è bastata per 6 persone.

INSALATA DI QUINOA  CON FETA E MANDORLE TOSTATE

Ingredienti per 6 persone

2 cucchiai di olio extravergine
1 cucchiaino di coriandolo in polvere
1 cucchiaino di curcuma in polvere
200 g di quinoa
400 g di brodo vegetale
1 cipollotto, tritato
50 g di mandorle a fette, leggermente tostate
200 g di feta light
un ciuffo di prezzemolo e 2 foglie di menta, finemente tritati
succo di limone
sale e pepe appena macinato

Mettere la quinoa in un colino e lavarla accuratamente e a lungo sotto acqua corrente, strofinando i grani tra le dita per eliminare la saponina, una sostanza che le conferirebbe un sapore amaro. Scolarla molto bene. Scaldare le spezie con 1 cucchiaio d'olio in una padella antiaderente; farvi tostare la quinoa per qualche minuto, coprendola poi con il brodo vegetale bollente. Cuocerla per circa 15 minuti, poi aggiungere il cipollotto tritato e proseguire la cottura per circa 4 minuti, al termine dei quali la quinoa dovrà presentarsi bene asciutta e sgranata. Farla raffreddare stesa in un solo strato sopra un piatto.
Tostare le mandorle in un padellino antiaderente. Tritare le erbe aromatiche. Sbriciolare la feta con le dita.  Condire la quinoa  con il secondo cucchiaio d'olio, le erbe aromatiche tritate, le mandorle tostate, la feta sbriciolata e succo di limone in quantità a piacere. Regolare di sale e profumare con una macinata di pepe.  Trasferire su un piatto di portata, cercando di creare una collinetta piacevole alla vista.

9 commenti:

  1. Che bella ricetta, anch'io non conosco la quinoa, o meglio la conosco manon l'ho mai assaggiata, questo potrebbe essere un inizio. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Colombina. Ti consiglio di provare la quinoa come alternativa al cous cous; vedrai che ti meraviglierai di quanto e' buona e di quanto mantiene bene la sua consistenza. Questa ricetta, in particolare, e' molto leggera ed e' l'ideale per i prossimi pasti estivi.Un abbraccio

      Elimina
  2. Bella e buona,per quanto lui avrebbe probabilmente seguito una strada leggermente diversa (maggiore quantita' di erbe e qualche melanzana bruciacchiata,lol) l'influenza di Ottolenghi e' ormai evidente anche nei giornali "mainstream" inglesi.UN segno di vero successo.Da fare,ora finalmente siamo arrivati a 20 gradi.
    P.S. 2 giorni fa mi sonno sbirciata tutti I tuoi dolci natalizi,uno per uno.Lovely!
    Un bacio e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Edith. Scusa se rispondo con un po' di ritardo ma in questi giorni non riesco a trovare il tempo di sedermi in santa pace al computer. Convengo, per quel poco che posso intuire dalla lettura delle riviste gastronomiche inglesi, che ci sia un grande interesse per la cucina leggera e salutare, fatta con ingredienti freschi e magari un poco esotici. La cucina italiana va forte, magari con abbinamenti che a noi fanno storcere un poco il naso, cosi' come quella proveniente da altre aree geografiche. Sicuramente, in un piatto come questo, Ottolenghi ci avrebbe aggiunto la melanzana (come dici tu) e l'immancabile ciuffo di yogurt o un po' di tahini e poi erbette a galore. :)
      Ps sono andata a rileggermi il post dei dolci natalizi e anch'io mi sono stupita della quantita' di cose che ho prodotto in questi anni. Ci sono dolci e biscotti che nemmeno ricordavo di aver fatto, ma quanti bei momenti mi son tornati alla memoria :)

      Elimina
  3. la quinoa non mi fa impazzire molto ma devo dire che la feta gli dà un sapore molto interessante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Carmine. La feta da una marcia in piu' a queste insalate; devo dire che l'ho molto rivalutata negli ultimi tempi.

      Elimina
  4. Ma che buona!!
    Non ho ancora avuto tempo di andare a comprare ma non vedo l'ora di provarla!!
    Mi stai proprio facendo venire voglia di insalate di quinoa!!
    Ciao!!

    RispondiElimina