Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 18 aprile 2013

Polpette di zucchina e feta

Come andavo raccontando qualche post fa, attraverso una citazione di Ottolenghi sono arrivata a scoprire (e ad acquistare immediatamente) un libro molto interessante sulla cucina turca, scritto da Ghillie Basan. "Classic Turkish Cooking", come annuncia il titolo, è una raccolta di ricette turche tradizionali e sofisticate, con una selezione piuttosto ampia di proposte che vanno dagli antipasti (meze) al pane, dai pilaf alle insalate, dalle verdure ripiene ai piatti di carne, finendo con i gelati e i sorbetti, il tutto arricchito dai profumi e dalle spezie tipiche del luogo. Le ricette, a giudicare da quelle che ho provato, sono molto precise nelle dosi e nel procedimento e la cosa bella è che, in fondo al volume, c'è tutto un elenco di ingredienti locali con la loro brava spiegazione e l'eventuale sostituto (per chi non avesse un negozio di alimentari turco sottomano). Per esempio, in questa ricetta ci volevano un particolare formaggio chiamato beyaz peynir, che si può sostituire tranquillamente con la feta, e il kirmizi biber (peperoncino turco in fiocchi), rimpiazzato con della paprika dolce. Anche in questa cucina l'aglio e la cipolla abbondano; io ho preferito ridurli al minimo. Inoltre, ho usato farina di riso anziché farina di grano e non ho notato nessuna sostanziale differenza di gusto. Raccomando l'utilizzo di tutte le erbe aromatiche descritte perché apportano un contributo importante al profumo della preparazione.
Quasi dimenticavo:  nella ricetta originale il composto viene fritto a cucchiaiate; io ho preferito cuocerlo in forno.

 POLPETTE DI ZUCCHINA E FETA


Ingredienti per 15 polpette
3 zucchine
2 cipollotti, finemente tritati
1 spicchio d'aglio, grattugiato
2 cucchiai d'olio extravergine
3 uova
3 cucchiai di farina di riso (o farina 00)
200 g di feta light, sbriciolata con le dita
1 bel mazzetto di prezzemolo, aneto e menta, finemente tritati
1 cucchiaino di paprika dolce
sale, pepe nero appena macinato


Lavare bene le zucchine; asciugarle; spuntarle e grattugiarle in grossi filetti con il robot o con l'attrezzo manuale. Metterle in un colino e cospargerle con un pizzico di sale, lasciandole spurgare per 5 minuti. Trascorso questo tempo, strizzarle bene tra le mani, per eliminare l'acqua di vegetazione, e farle saltare, per 5 minuti, in padella con l'olio, i cipollotti e l'aglio.
Far scolare nuovamente la verdura nel colino e lasciarla raffreddare. In una ciotola, battere con un frustino le uova con la farina di riso. Aggiungere il formaggio, le erbe tritate e la paprika. Aggiustare di sale (tenendo presente che la feta è già saporita) e di pepe. Unire anche le zucchine raffreddate e mescolare accuratamente. Prendere una placchetta da forno, rivestirla con un foglio di carta forno bagnato e strizzato e deporvi porzioni di impasto,  aiutandosi con un dosa-gelato o con un cucchiaio. Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 20-25 minuti, girando le polpette a metà cottura. Sono buone sia calde che a temperatura ambiente.

9 commenti:

  1. UNA SPLENDIDA E SEMPLICE MA GUSTOSA RICETTA.
    COMPLIMENTI DAVVERO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Ginevra (che bel nome!). Sei gentilissima.

      Elimina
  2. Ma che ricettiva deliziosa! Lo sai che ho appena fatto un pane turco? Un appunto però, la frittura non si sostituisce ;) Interessante il libro anche a me piace la cucina turca, ma è in italiano ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Antonietta. Sono andata a vedere il tuo magnifico pane: che delizia! Questa tecnica di sovrapporre vari strati di pasta non mi e' nuova; forse l'ho vista fare proprio da un'amica appassionata di cucina turca (Francesca Spalluto). Quanto al fritto, che devo dire? Io non sono molto appassionata della frittura, anche se capisco che possa migliorare e dare gusto a tutto - una nonna d'altri tempi diceva che anche uno straccio del pavimento, se impanato e fritto, sarebbe risultato appetitoso :) Trovo piu' gestibile, anche per i tempi, la cottura in forno. il fritto lo devi fare e mangiare subito dopo, purtroppo.
      PS il libro della Basan e' scritto in inglese ma e' abbastanza comprensibile, specie la parte ricette, anche da chi, come me, non ha una perfetta conoscenza della lingua.

      Un abbraccio e buona giornata a tutte

      Elimina
  3. Che bella ricetta, mi attira tantissimo. Fra un po' sarò come ogni anno, invasa dalle zucchine e poi con la feta e le erbe aromatiche... niente di meglio! Complimenti come sempre!

    RispondiElimina
  4. Grazie mille, Marinora. La stessa ricetta la puoi utilizzare per le carote.
    Un abbraccio e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  5. Che bella scoperta il tuo blog ! Questa ricetta...la farò mia ! Così come l'hai fatta tu, con la cottura in forno. Anzi ti dirò che tento la cottura sulla piastra antiaderente

    RispondiElimina
  6. Cara Eugenia,

    le ho fatte ieri sera, sono deliziose, ottimo secondo piatto vegeteriano e... le hanno mangiate anche Emmina e Simon!
    Grazie come sempre.

    RispondiElimina
  7. Ottimo! Un bacio a te e ai figlioletti!

    RispondiElimina