Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 16 luglio 2012

Zuppa fredda di porri e avocado di chef Ramsay

Con il caldo di queste giornate non c'è niente di meglio che iniziare una cena con una ciotolina di zuppa fredda. Mai come in queste occasioni mi sono accorta di quanto sia importante il giusto mix di aromi; per esempio, il mazzetto guarnito che accompagna la cottura di questa zuppa fa davvero la differenza. In passato, tendevo sempre a guardare con sospetto l'alloro perché mi sembrava che il suo profumo fosse troppo invasivo e penetrante; ora mi accorgo che, nelle giuste dosi, conferisce personalità alle preparazioni (vedere la ratatouille recentemente pubblicata) e non ne faccio più a meno. La ricetta è del fumantino ma geniale Gordon Ramsay ed io non l'ho toccata nelle proporzioni, giustamente perfette. Consiglio di preparare la zuppa il mattino per poi gustarla la sera.

Zuppa fredda di porri e avocado (Gordon Ramsay)


Ingredienti per 4 ciotoline come antipasto o per 2 fondine come primo piatto

2 cucchiai di olio extravergine delicato
250 g di porri
1 cipolla bionda
sale, pepe di mulinello
un dito di vino bianco secco
1 patata di medie dimensioni
1 mazzetto aromatico (timo,una foglia di alloro,qualche gambo di prezzemolo legati insieme)
750 ml di brodo vegetale
1 avocado grande, maturo
il succo di 1/2 limone

Lavare accuratamente i porri, tagliando solo la parte bianca in sottili anelli. Mondare anche la cipolla e tritarla finemente. Scaldare l'olio in una casseruola capiente; unire i porri e la cipolla, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Mescolare, coprire e lasciar sudare le verdure a fiamma debole per 5 minuti o finché appariranno morbide. Scoperchiare, alzare leggermente la fiamma e sfumare con il vino bianco. Dopo che questo sarà evaporato, aggiungere la patata tagliata a tocchetti e il mazzetto aromatico. Versare il brodo e portare ad ebollizione. Salare, pepare e proseguire la cottura, con coperchio, per circa un quarto d'ora finché la patata sarà cotta. Eliminare il mazzetto aromatico e aggiungere l'avocado; pelato, privato del nocciolo e tagliato a pezzettoni. Ridurre tutto in purea omogenea con un frullatore ad immersione, poi passare al colino cinese per rendere setoso il composto. Aggiustare di sale e di pepe e condire con un po' di succo di limone (se piace). Versare la zuppa in un recipiente di vetro o di porcellana; far intiepidire e mettere in frigo per qualche ora. Servire in scodelle raffreddate in freezer decorando (mia iniziativa) con un ciuffo di coriandolo.



11 commenti:

  1. Complimenti per la zuppa un mix perfetto, ideale per le cene estive.Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Giovanna! Buona giornata a te.

      Elimina
  2. Adoro il porro e il resto ma non la mentuccia dovrò sostituirla magari con il basilico. Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono un agrande fan del porro, cara Edvige. Mentuccia? Chi ha parlato di mentuccia? nella zuppa ci sono alloro, gambi di prezzemolo e timo. :))

      Elimina
  3. Brava tu e pure il vecchio Gordon! Due verdure che adoro assieme! Da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio, Terry. questi chef inglesi, quando non esagerano con l'aglio (che personalmente amo solo in piccole dosi), sanno regalare tanti spunti alla nosta cucina quotidiana. Abbraccio.

      Elimina
  4. Ciao Eugenia, recentemente i miei ragazzi mi hanno regalato un bel libro di Ramsey, che peraltro mi piace molto. Con mio marito non ho ancora provato nulla perchè è tradizionalista al massimo.
    Aspetto i ragazzi per cimentarmi in qualche ricetta.
    Per l'alloro non ho mai avuto problemi, lo uso spesso, per l'avocado invece, ho delle riserve, proprio non mi piace.
    Buona settimana
    Mandi

    RispondiElimina
  5. Ciao, Rosetta. Che bravi i tuoi figlioli a regalarti il libro di chef Gordon. io ne ho un paio e ti assicuro che, a parte qualche piatto un po' troppo pasticciato o con ingredienti che da noi sono irreperibili tipo le pastinache - tu le hai mai viste? - sono tutte ricette fattibilissime e adatte ai nostri palati tradizionalisti. Un abbraccione e a presto.
    PS ricordavo della tua antipatia per l'avocado :)

    RispondiElimina
  6. Quel diavolo di Gordon!
    All'inizio non mi piaceva adesso, ricetta dopo ricetta mi sta conquistando la sua cucina.
    Deve essere buona questa zuppetta!

    RispondiElimina