Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 11 giugno 2009

Insalata di gamberi, rucola e melone

Un'insalata dal vago profumo "anni '80", ma fresca e gradevole. Me l'ha suggerita stamattina il mio fornitore di fiducia, a cui vanno i ringraziamenti di tutta la famiglia. Le salsine di accompagnamento sono mie.




1/2 chilo di gamberi grigi
rucola
1/2 melone
1 gambo di sedano prelevato dal cuore
pomodori datterini

Per la vinaigrette: ,
olio extravergine, aceto ai lamponi, erba cipollina, sale e pepe





I gamberi, privati del carapace e del budellino, vanno immersi per pochi secondi in acqua bollente aromatizzata con gambi di prezzemolo e una foglia di alloro.


Una volta scolati, si fanno marinare per una decina di minuti in olio extravergine, succo di limone, sale e peperoncino fresco tagliato ad anelli.



Lavare e sgrondare la rucola. Ricavare delle palline dalla polpa del melone. Pelare il gambo di sedano e tagliarlo a fettine sottili. Lavare, asciugare e tagliare in due i pomodorini. Disporre tutti gli ingredienti in una capace insalatiera (gamberi sopra tutto) e condire con la vinaigrette all'erba cipollina.

6 commenti:

  1. Che bel piatto colorato e buonissimo!

    RispondiElimina
  2. questa te la copio eu!!!!
    bella!

    RispondiElimina
  3. che bontà!
    cosa consigli a chi non ha l'aceto di lamponi?cosa potrebbe assomigliare di più?

    RispondiElimina
  4. @ Federica: d'estate si ha proprio voglia di questi piatti molto colorati e freschi. grazie.
    @erika: ma dove ti eri nascosta? è da tanto che non ti leggo. un abbraccio
    @monika: ci sarebbe un metodo casalingo per fare un aceto aromatizzato ai lamponi ma, personalmente, non ci ho mai provato. In sostanza, si tratta di mettere in un vasetto di vetro pulitissimo un cestello di lamponi (125 g circa). Si ricopre tutto con dell'aceto bianco e si lascia macerare (in frigo) per circa una settimana. Poi si filtra attraverso una mussola e si corserva, sempre in frigo, per breve tempo. Io utilizzo un aceto ai lamponi della Maille. Se non vuoi stare a fare tutto 'sto trantran, sostituiscilo con un onesto e plebeo aceto balsamico "non" tradizionale. :))


    un abbraccio
    eu

    RispondiElimina
  5. eugenia grazie del commento al clafoutis, m'è piaciuta cosi tanto la nota di Alda che l'ho inserita nel post stesso,
    adesso tocca a te cimentarti con un pezzo di storia di Francia!

    RispondiElimina
  6. @ sono contenta, Papavero. Alda era così intelligente, gentile, ironica, affettuosa che rileggere qualcosa di lei è come sentirla ancora qui, tra di noi. Il clafoutis arriverà presto sulla mia tavola, non c'è da dubitare. Non fosse che le ciliegie, in casa mia, spariscono in un lampo prima di essere utilizzate...
    abbraccio
    eu

    RispondiElimina