Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 14 novembre 2008

Quando la dolce ala della giovinezza torna a sfiorarti




Aphrodite's child - It's five o'clock
da qui

8 commenti:

  1. Quanti ricordi!!! è una delle canzoni che ho messo nella mia compilation ideale!

    RispondiElimina
  2. Ma guarda che coincidenza: poco fa ho ascoltato la versione di Franco Battiato, nel suo nuovo disco di covers uscito oggi. Però l'originale, con quell'organo Hammond! Ah, il titolo del post vale davvero quasi una poesia...

    RispondiElimina
  3. @ Artemisia :)))
    @ Marinella: avevo tredici o quattordici anni quando la sentii per la prima volta. La voce in falsetto di Demis e l'organo di Vangelis sono stati un po' la colonna sonora di quel periodo.
    @ Daniele: non è una coincidenza. Proprio ieri sera ho ascoltato un'intervista di Battiato dove si parlava degli Aphrodite's child e di quel loro altro brano, Rain and Tears, abbondantemente ispirato, nella melodia di inizio, al Canone in RE dell'abate Pachelbel. Ascolta tu stesso e dimmi un po' se questa non è classe ;)

    canone in RE
    rain and tears

    Ho visto che un'altra canzone inserita nel nuovo CD di Battiato è Il venait d'avoir 18 ans, una delle canzoni di Dalida che preferisco.
    Mi sa che devo comprarmi l'album...

    RispondiElimina
  4. ho sentito l'album oggi fresco fresco.. beh va detto, feeling a parte per franco, che it's five o'clock non si può disgiungere dalla voce di demis roussos, così succede che senti la voce di battiato e ti sovviene potente l'altra nel ricordo, anche se non sono contraria per partito preso alle rivisitazioni!
    quella di dalida non la conoscevo proprio e non ho potuto sobbalzare:)ma c'è nel brano una collaborazione di una voce molto suggestiva di Sepideh Raissadat,

    bello molto bello il new pezzo inedito " tutto l'universo obbedisce all'amore" un bel pezzo e che titolo e che teorema!!

    il fascinoso sitting on the dock ofe the bay di otins reding (lo stesso, la voce di otis è quel pezzo e viceversa!)

    bella sorpresa per me il brano la musica muore del giovanissimo juri camisasca (che amo immensamente)

    scusa se mi sono fatta prendere la mano è che battiato... come dire?!!!

    RispondiElimina
  5. Questa è la prima volta che scrivo anche se è da un bel po' di tempo che visito questo sito: complimenti all'autore.noto anche che siete ben informati musicalmente: è dolce riascoltare muica che non si è mai cessato d'amare, predispone alla serenità d'animo. Condivido la passione di papavero di campo per Battiato, tormentone delle mie nipotine prima (oggi sono trentenni) e di mio marito e mia figlia dopo. Beh, per il momento buona notte a tutti.

    RispondiElimina
  6. Sì, sapevo di questa contaminazione del Canone in Re - penso che sia inserito in almeno una cinquantina di brani. Lo stesso Battiato aveva inciso nei primi'70 anche "Lacrime e pioggia", la versione italiana di "Rain and tears" degli Aphrodite's Child, quindi ci è ricascato!

    E la contaminazione è sempre stata il suo cavallo di battaglia.

    RispondiElimina
  7. @ antares56: benvenuta e grazie!
    @ papavero e daniele: una delle poche cover che ho trovato superiore all'originale è quella del brano "You make me feel brand new". Tra The Stylistics e Simply Red, preferisco la voce soul di Mick Hucknall.
    un caro saluto
    eu

    RispondiElimina