Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 21 ottobre 2008

Bastoncini croccanti

Sono fatti prendendo a modello l'impasto delle "streghe" delle sorelle Simili, le insegnanti di cucina più famose del web. Ho sostituito lo strutto con il burro ed ho insaporito i bastoncini con semi di zucca e di girasole grossolanamente tritati,semi di papavero, sesamo, Old Bay (grazie Dede), sale Maldon. Alcuni li ho lasciati neutri. Li trovo indovinatissimi come accompagnamento alle creme di verdura, tipo la vellutata di zucca all'arancia. Si possono conservare per qualche giorno dentro vasi di vetro a tenuta ermetica ma, al momento di servirli, andranno ripassati in forno per qualche minuto per risvegliarne la fragranza e la croccantezza.



200 g di farina di grano duro
100 g di acqua tiepida
10 g di lievito di birra
20 g di burro
5 g di sale

olio extravergine per pennellare le sfoglie
semi vari e spezie per decorare

Si mettono i primi cinque ingredienti nel boccale del robot da cucina, si avvia la macchina e si lavora per almeno 3 o 4 minuti o finché si ottiene un impasto liscio e vellutato. Lo si mette a lievitare in una terrina, coperto, per circa 50'. Trascorso questo tempo, lo si stende su un tagliere infarinato con l'aiuto di un matterello o della macchinetta sfogliatrice (arrivare fino alla penultima tacca). Si depongono le sfoglie su un paio di placche ricoperte da carta forno.Con l'ausilio di una rotella dentellata, si ritagliano dei bastoncini che si pennellano di olio e si cospargono con gli aromi preferiti. In forno a 190°C per circa 10 minuti.

4 commenti:

  1. Belli i tuoi bastoncini... stregati!

    RispondiElimina
  2. anche qui ripeto: magnifici anche questi. insieme ai budinetti, poi...

    RispondiElimina
  3. che bello far finta che sia anche un po' merito mio.......

    RispondiElimina
  4. grazie, carissime Barbara e Artemisia.
    @ Dede: il merito è un po' tuo sul serio!

    RispondiElimina