Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 17 marzo 2017

Croque-Monsieur come li fanno all'Harry's Bar

Un mese fa circa, ho acquistato l'ebook "Harry's Bar Venezia: le ricette della tradizione" di Arrigo Cipriani, figlio di Giuseppe, fondatore del leggendario locale veneziano.  Tra gustosi aneddoti e ricordi, vengono descritte le ricette che hanno reso famoso in tutto il mondo l'Harry's Bar. Forse sono pietanze un po' datate ma non per questo meno appetibili. Tra le tante proposte, ho scelto quella  dei Croque-Monsieur, uno stuzzichino da gustare con l'aperitivo (magari un Bellini) e che a Venezia conoscono anche con il nome di "I Pierini dell'Harry's Bar".  In alcune versioni sul web ho trovato il prosciutto cotto anziché quello affumicato, ma io mi sono attenuta a quanto descritto dall'autore. Il risultato e' stato sorprendentemente buono. 


CROQUE-MONSIEUR COME ALL'HARRY'S BAR


Ingredienti per 16 rettangolini
250g di Emmentaler, grattugiato
1 tuorlo d'uovo
1 cucchiaio di salsa Worcestershire
1/4 di cucchiaino di senape di Digione
un pizzico di pepe di Caienna
un pizzico di sale
125ml circa di panna fresca
16 fette di pane in cassetta (all'Harry's Bar il pancarre' viene prodotto nelle loro cucine)
200g di prosciutto cotto affumicato, a fettine
olio di oliva per friggere

Procedimento
Mettere nel robot da cucina, munito di lame d'acciaio, il formaggio, il tuorlo, la salsa Worcestershire, la senape e il pepe. Frullare per cominciare ad amalgamare gli ingredienti. Unire la panna e frullare di nuovo fino ad avere un composto liscio ed omogeneo. Assaggiare e, se del caso, sistemare di sale. Spalmare questa crema su un lato di tutte le fette di pane. Appoggiare una fettina di prosciutto su una fetta e ricoprire con l'altra. Procedere allo stesso modo fino ad avere 8 sandwich. Eliminare con un coltello seghettato la crosta laterale dei sandwich. Scaldare un filo d'olio in una padella antiaderente e friggere i sandwich su ambo i lati (un minuto e mezzo circa per lato) fino a vederli ben dorati e croccanti. Tamponarli velocemente nella carta da cucina, poi dividere ogni sandwich in due rettangoli (in totale, si otterranno 16 croque monsieur). Proseguire fino ad esaurimento. Servirli caldi, avvolti in un tovagliolo di carta. 

Annota bene: la dose della crema di formaggio e' abbondante, tuttavia consiglio di prepararla interamente e poi suddividerla in due piccoli vasetti con coperchio. Uno lo si consumerà subito (si otterranno 8 rettangolini) e l'altro si potrà congelare per usi futuri. Nel freezer si conserva un mese. Scongelare in frigo.

8 commenti:

  1. deve essere un libro interessante, la cucina dell'Harrys's ha fatto la storia della cucina !Ottima proposta Eugenia, buon we !

    RispondiElimina
  2. concordo con eugengia: questa cosa è goduria pura: è la versione che avevamo anche al mio ristorante! di fatto è un english welsh rabbit (perché queste cose non appartengono alla cucina italiana mi sembra) fatto però con stile italiano... mi sembra di avere anche io da qualche parte quel libro... ciao, stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano, mi piacerebbe conoscere la tua versione. Perché non la pubblichi su QB?

      Elimina
    2. mi sono espresso male.... sorry... anche noi usavamo la versione dell'herry's bar...però (nota bene che io non ho il libro) nella versione vista sull'Independet (questa: http://www.independent.co.uk/life-style/food-and-drink/reviews/just-wild-about-harrys-625959.html) non si fa riferimento a panna...strano..

      Elimina
    3. ...bestia che sono... e invece la panna c'è, ma indicata come "if needed"... io mai usata.s

      Elimina
    4. Sul libro, tra gli ingredienti, viene elencata la panna (mezza tazza) e nel procedimento viene detto di aggiungerla se il composto risultasse troppo denso. In effetti, io l'ho aggiunta perché senno' il composto di formaggio non sarebbe risultato spalmabile sulle tenere fette di pane. Interessante l'articolo!

      Elimina
  3. La ricetta e' molto interessante,mi piace.

    RispondiElimina
  4. Ciao a tutti. Come dicevo, le ricette del libro sono un po' datate ma ancora valide e gli aneddoti legati al bar e ai suoi frequentatori piuttosto interessanti.

    RispondiElimina