Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 12 settembre 2014

Torta di cavolfiore

Un'insolita torta vegetale che si farà apprezzare anche da chi non ama il cavolfiore. Completamente senza glutine (raccomando le solite precauzioni: tutti gli ingredienti utilizzati devono avere il simbolo della spiga barrata, oppure essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia o  riportare sulla confezione la scritta "senza glutine"), presenta una gradevole consistenza rustica ed un sapore stuzzicante, grazie ai formaggi e alle spezie. La ricetta originale è di Yotam Ottolenghi, ma io l'ho un po' adattata nelle dosi; soprattutto, ho ridotto l'olio e i formaggi - Ottolenghi ci va giù pesante con le quantità - e il numero delle uova , eliminando la farina normale a favore di quella senza glutine. Vi consiglio di provarla perché è davvero buona.

TORTA DI CAVOLFIORE
Ingredienti per uno stampo tondo ø 22 cm.  h 5 cm.
1 cavolfiore, freschissimo (700 g circa)
9 dl circa di acqua
1 cucchiaino di sale fino
1 cucchiaino di succo di limone
1 cipolla rossa di Tropea (200 g)
2 cucchiai di olio extravergine
1 ciuffetto di rosmarino
30 g di pecorino romano, grattugiato
50 g di parmigiano reggiano, grattugiato
100 g di farina senza glutine (Mix It della Scharr)
1,5 cucchiaini di lievito per torte salate (gluten free)
6 uova
1/2 cucchiaino di curcuma in polvere
1/4 di cucchiaino di cumino in polvere
1 cucchiaino di sale
un ciuffo di erba cipollina, tritata

burro e semi di sesamo per lo stampo
Lavare sotto acqua corrente il cavolfiore, eliminando foglie e torsolo (conservarli per un minestrone). Tagliare il cavolfiore a cimette e farlo lessare nell'acqua bollente, salata e acidulata con 1 cucchiaino di succo di limone. Dopo 15 minuti dovrebbe essere pronto: abbastanza morbido ma non sfatto (una volta pronta la torta, si dovranno ancora percepire i pezzettini). Scolarlo e lasciarlo nel colino per qualche minuto per fargli perdere tutta l'umidità. In seguito, schiacciarlo grossolanamente con i rebbi di una forchetta o con l'apposito utensile per fare la purea di patate.  Sbucciare la cipolla e tagliarne qualche anello per la decorazione. Tritare finemente il resto e farlo stufare  in padella con l'olio e il rosmarino, cuocendo il tutto per una decina di minuti. Far raffreddare. Preparare la pastella setacciando la farina, il lievito, la curcuma, il cumino e il sale, facendo cadere le polveri in un'ampia ciotola. Aggiungere anche i formaggi grattugiati. A parte, sbattere leggermente con la forchetta le uova e l'erba cipollina; unire la cipolla stufata. Versare tutto sulle polveri e mischiare vigorosamente per eliminare eventuali grumi. Unire al composto il cavolfiore, mescolando con una spatola. Imburrare uno stampo rotondo e foderarne il fondo con un disco di carta forno ritagliata a misura. Cospargere le pareti con i semi di sesamo, cercando di farli aderire il più possibile. Versare l'impasto nello stampo, decorando con gli anelli di cipolla messi da parte.  Posizionare lo stampo al centro del forno e cuocere a 180°C per 45 minuti.  Togliere dal forno e lasciar riposare 5 minuti poi, usando la lama di un coltellino, andare torno torno il bordo per staccare la torta dalle pareti dello stampo. Sformare e servire la torta tiepida o a temperatura ambiente.

12 commenti:

  1. Buonissima Eugenia!! Adoro il cavolfiore!!

    RispondiElimina
  2. Il cavolfiore ho un rapporto difficile ma questo piatto mi attira ci provo. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  3. che bella versione di torta salata, mi piace molto

    RispondiElimina
  4. bellissima questa torta, e l'hai fatta pure senza glutine! da provare in ogni modo!
    ottolenghi poi ha sempre delle idee fantastiche

    RispondiElimina
  5. Ma dai che bella idea!
    Ho giusto acquistato ieri un freschissimo cavolfiore al mercato contadino...e questa mattina abbiamo parlato di te con Rosanna Sora (ricordi il mitico forum di CI?)!
    Un saluto :)

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutte! Barbara, mi ricordo benissimo di Rosanna e anche di te ;)
    Anzi, scommetto che avete parlato di me durante un certo corso di pasticceria? Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. da rifare al più presto, adoro il cavolfiore, grazie Eu, buona settimana !

    RispondiElimina
  8. Grazie, Chiara, buona settimana a te.

    RispondiElimina
  9. devo dire che ultimamente ottolenghi mi ispira parecchio, sta facendo un lavoro sulla cucina tra i più interessanti, bel riadattamento di questa ricetta :-)

    RispondiElimina
  10. Fatta!! Molto buona ,grazie Eugenia!

    RispondiElimina