Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 7 luglio 2014

Insalata di patate dolci, crescione e olive greche

Dopo un primo tentativo, ahimé miseramente fallito causa invasione di lumache, ho riseminato il crescione comune e questa volta la mia costanza è stata premiata. In pochi giorni, tenendo fede al suo nome, il crescione è spuntato, permettendomi di effettuare  i primi tagli. Per festeggiare l'occasione, ho pensato di inserirlo in questa insalata con le patate dolci (ma andranno benissimo anche le carote), delicatamente speziate e cotte in forno per breve tempo, accompagnando il tutto con delle olive nere di tipo greco che, con il loro sapore aromatico, si sposano perfettamente  con il gusto del Ras el Hanout. Una bella manciata di semi oleosi misti ha apportato la giusta croccantezza, mentre la vinaigrette agrodolce ha reso il tutto ancora più invitante. A prima vista, alcuni ingredienti possono sembrare difficili da reperire, ma vi assicuro che i semi di sesamo, di zucca, di lino e di girasole (tutti biologici) si trovano tranquillamente all'Esselunga, così come le patate dolci, mentre i costosetti semi di chia si comprano da NaturaSì. Per il crescione, basta acquistare una bustina di semi in qualunque garden center e piantarli in un vaso non troppo grande. Dopo alcuni giorni, potrete già usufruire dei vostri germogli.

INSALATA DI PATATE DOLCI, CRESCIONE E OLIVE GRECHE 
Ingredienti per 2 o 3 persone  
1 grossa patata dolce (450 g circa)
un pizzico di sale fino
un buon pizzico di Ras el Hanout (se non si dispone della miscela, vedere qui come prepararsela in casa)
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
una bella manciata di germogli di crescione (lepidium sativum)
una dozzina di olive nere, del tipo greco
mix di semi:
1/2 cucchiaio cadauno di semi di zucca, semi di girasole, semi di lino, semi di sesamo, semi di chia

Vinaigrette agrodolce
1 cucchiaino di olio di semi di lino
1 cucchiaio di aceto balsamico bianco
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaio di salsa di soya
1 cucchiaino di miele
sale e pepe q.b.
Mescolare tutti gli ingredienti con un frustino e versare sull'insalata appena prima di portarla in tavola.



Sbucciare la patata dolce; lavarla sotto acqua corrente; tamponarla con carta da cucina. Sempre con l'ausilio del pelapatate, ridurla a strisce longitudinali. Disporle su una placca rivestita di carta forno, bagnata e strizzata, cercando di non ammassarle. Cospargere con un pizzico di sale, una dose a piacere di Ras El Hanout - a dipendenza di quanto si desidera speziata l'insalata - un filo d'olio. Infornare a 190°C per circa 15-20 minuti, girando un paio di volte con le pinze, in modo da cuocere uniformemente le striscioline di patata. Una volta pronte, disporle al centro di un'insalatiera e farle raffreddare. Lavare con delicatezza il crescione, facendolo sgocciolare dentro un setaccio. Disporre il crescione intorno alle striscioline di patata dolce. Tostare a secco, in padella antiaderente, i semi. Farli raffreddare, poi aggiungerli all'insalata insieme alle olive, che si saranno denocciolate. Condire con la vinaigrette e portare in tavola.

 
Il crescione comune (Lepidium sativum L.),  a dispetto delle sembianze “da insalatina” appartiene alla famiglia delle Brassicaceae.Utilizzato fin dai tempi antichi, è, con molta probabilità, originario dalla Persia. Questa pianta erbacea a ciclo annuale ha foglie frastagliate, che ricordano vagamente il prezzemolo, fiori minuti riuniti a grappoli, che possono essere bianchi o rosa, e può raggiungere anche mezzo metro in altezza. Profumata e dal sapore piccante, viene usata in cucina con parsimonia e si ritiene che abbia molte virtù curative. E non c’è da stupirsi visto che, come già detto, appartiene alla stessa famiglia dei cavoli, già noti per le loro proprietà anticancro. L’elevato tenore inzolfo, responsabile del particolare aroma, ne fa un ottimo disinfettante, mentre il buon contenuto vitaminico lo rende un valido integratore della dieta.
Fonte:  Grow the planet

Ecco il mio crescione dopo la prima sforbiciata.

4 commenti:

  1. Non conosco il crescione e sarei curiosa di assaggiarlo.
    Bella insalata.

    RispondiElimina
  2. non ho mai mangiato le patate dolci, non ridere ma è così....Per il resto mi pare una bella insalata, adatta al momento !

    RispondiElimina
  3. bellissima!! mi piace molto!! e che colori!

    RispondiElimina
  4. che bella questa cottura della patata dolce, io non l'ho mai provata ma mi incuriosisce molto

    RispondiElimina