Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 3 luglio 2012

Crema di ricotta per ripieni

Quando vedo in vetrina quelle belle fuscelle colme di ricotta freschissima mi è difficile resistere alla tentazione di acquistarne una, ma poi mi arrovello sempre su come impiegarla, a parte gustarla al naturale. Ecco un paio di idee che potrebbero risolvere il dilemma.

CREMA DI RICOTTA PER RIPIENI

300 g di ricotta vaccina
10 foglioline di menta piperita
1 tuorlo
1 e 1/2 cucchiai di parmigiano grattugiato

Passare al setaccio la ricotta facendola cadere in una bacinella; unire le foglie di menta tritatissime, un tuorlo e il parmigiano. Amalgamare accuratamente e conservare al fresco.
Possibili impieghi di questo composto:
Chiocciolone farcito di ricotta e rucola
Fiori di zucchina ripieni.


Dice: come distinguo la menta piperita dalle altre varietà di menta?
Bella domanda. Io ancora faccio fatica a classificarle (a parte la mentuccia che è molto riconoscibile). In internet se ne leggono e se ne vedono di tutti i colori per cui, se ci fosse qualche botanico di passaggio da queste parti, lo invito a fare chiarezza sulla questione.
Premetto che questa è la distinzione che me ne ha fatto il giardiniere che me le ha vendute. In internet se ne leggono di ogni. Questa sopra dovrebbe essere la menta piperita, la menta che uso di più in cucina. Ha foglie di un bel verde brillante, un gusto fresco ma molto spiccato per cui va messa con grande parsimonia (bastano poche foglie per aromatizzare una preparazione). Io la uso nei ripieni delle verdure, nella crema di piselli, nella salsa per l'agnello, nelle creme di formaggio insieme ad altre erbe aromatiche. Come tutte le mente, è consigliabile coltivarla in vaso perché è infestante.
Questa sopra è la mentuccia o Calamintha nepeta,nota anche come nepitella. Ha le foglie più tonde e di colore più scuro-un verde opaco- della menta piperita e sono leggermente pelose. Ha un profumo meno intenso della menta, più soave, ed io la impiego spesso nei triti aromatici, con prezzemolo, timo e basilico. Da sola si accoppia divinamente con i carciofi.
Questa dovrebbe essere la menta glaciale. Ha foglie più lanceolate e scure della piperita. Il suo profumo è molto intenso e particolare, ricorda tantissimo quelle caramelle chiamate appunto "alla menta glaciale". Io la uso pochissimo, giusto qualche foglia per aromatizzare il tè d'estate.

2 commenti:

  1. Ahimè della mia menta piperita,mi è rimasto poco e mi manca tanto. Buono l'accostamento ricotta/menta.Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che anche mia figlia, che la coltiva in un vaso sul terrazzo di casa sua, non riesce a farla crescere perché, immancabilmente, la pianta prende il mal bianco (oidio).
      Un abbraccio

      Elimina