Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 19 giugno 2008

Omelette ai fiori di zucchina

Continua la saga delle ricette dietetiche di Giulia, ispirate al libro di M.me Guiliano. Dopo aver saccheggiato il vaso dove coltivo le zucchine, mia figlia ha preparato, per sé e la sorella, questa omelette. Caso strano, anche la maggiore non ha avuto niente da eccepire.



Per due persone:
10 fiori di zucchina
4 uova
2 o 3 cucchiai di latte fresco
sale, pepe bianco macinato al momento
1 nocciola di burro
100 g di ricotta freschissima
erba cipollina e maggiorana per guarnire

Lavare delicatamente i fiori, privandoli del pistillo, sgrondarli e metterli ad asciugare su un foglio di carta da cucina. Tagliarli a listerelle. Battere brevemente(giusto per mescolare insieme tuorli e albumi) le uova con il latte, unire i fiori, condire con sale e pepe. Sciogliere in un padellino antiaderente il burro e, quando sarà ben caldo, versarvi il composto. Cuocere per qualche minuto e, quando le uova cominceranno ad addensarsi, unire la ricotta. Continuare brevemente la cottura (non deve asciugarsi troppo), piegare l'omelette in due e lasciarla scivolare nel piatto. Guarnire con le erbe aromatiche fresche e servire immediatamente.

8 commenti:

  1. Che brava la tua bambina!
    Penso sia una omelette molto delicata.
    La mangerei anche io.

    RispondiElimina
  2. grazie. Dev'essere una passione, quella per la cucina, che si tramanda in famiglia: ho appena scoperto di avere uno chef nell'albero genealogico. Racconterò tutto prossimamente.
    abbraccio
    eu

    RispondiElimina
  3. Aspetto allora il tuo racconto!
    Anch'io da parte di madre ho divesi zii ristoratori... loro erano bergamaschi. La mia nonna, poi, tieniti forte, mandava avanti la mensa dei tramvieri di Milano nel dopoguerra :-)) Mio marito sostiene che ho imparato da lei l'arte delle dosi da caserma :-))

    Senti, Eu, ma spiegami piuttosto il trucco della coltivazione delle zucchine in vaso. Funziona davvero? E' troppo tardi per provarci quest'anno secondo te?

    Ciaoooooo
    (p.s. ci avevi presi ieri, eh!)

    RispondiElimina
  4. @ Laura: Innanzitutto, complimenti ed AUGURI per questa bellissima novità! Per quanto riguarda le zucchine, temo sia un po' tardi per metterle a dimora adesso. Di solito, compro le piantine (3 o 4 max)ad aprile e le trapianto in un vaso lungo circa 80 cm e profondo una quarantina. Adesso ne ho già raccolto un po' (poca roba, intendiamoci, ma sufficiente per noi). La cosa bella è che, quando ti serve qualche fiore, non devi fare altro che allungare una mano e sei sicura di mettere in tavola un alimento freschissimo. I fiori da cogliere sono quelli maschi, con il lungo gambo. Il difetto delle piante di zucchina è che si allargano troppo e tendono a creare uno spazio disordinato.
    Un abbraccio
    eugenia

    RispondiElimina
  5. Grazie Eu!!! Un bacione e buona domenica

    RispondiElimina
  6. sono arrivata nel tuo blog per caso e ne sono rimasta incantata!!!complimenti!
    ricette e foto fresche fresche!!
    irene
    se non ti spiace ti metto tra i miei link

    RispondiElimina
  7. cara irene, non mi dispiace affatto. Benvenuta!
    un ab braccio a tutti
    eu

    RispondiElimina