Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

lunedì 10 febbraio 2014

Honeycomb

L' honeycomb è un delizioso e croccante dolcetto che si prepara molto facilmente: basta aggiungere poco bicarbonato di sodio a dello zucchero caramellato caldissimo. La reazione chimica produce delle bolle che rimangono intrappolate  all'interno del composto, conferendogli il caratteristico aspetto a nido d'ape.  Avevo già provato a fare l' honeycomb qualche anno fa, per utilizzarlo, come elemento croccante, all'interno di un gelato alla crema.  In quasi tutte le ricette che ho trovato, il miele non entra tra gli ingredienti, ma secondo Gordon Ramsay  il segreto sta tutto lì.  
HONEYCOMB
Questa è la mia versione, ispirata a quella di Ramsay.
200 g di zucchero semolato
40 g di acqua
70 g di sciroppo di glucosio
40 g di miele
8 g di bicarbonato di sodio, setacciato

Scaldare sul fornello una pentola dai bordi alti (io uso un wok antiaderente). La precauzione è necessaria perché il composto aumenta di volume improvvisamente e in maniera considerevole. Versarci dentro  lo zucchero, l'acqua, il glucosio e il miele. Mescolare brevemente per far sciogliere gli ingredienti, poi portare a bollore senza più toccare. Nel frattempo, foderare uno stampo rettangolare con  carta da forno. Quando il caramello avrà assunto un bel colore ambrato - occorreranno circa 8 minuti - e raggiungerà i 145°C (non superare questa temperatura o diventa amaro), toglierlo dal fuoco e gettarvi immediatamente il bicarbonato. Dare una rapida mescolata con un cucchiaio di legno, in modo da far sciogliere la polvere uniformemente. Vedrete che il volume aumenterà in maniera vertiginosa e il composto cambierà di colore, diventando  di un pallido nocciola. Versare il preparato nello stampo e lasciarlo raffreddare senza mai toccarlo o si affloscerà nel punto in cui avrete affondato il dito. Una volta pronto, staccarlo dalla carta forno e romperlo in grossi pezzi con un coltello da cucina. Si conserva in una scatola a tenuta ermetica in luogo fresco e asciutto.


Suggerimenti di utilizzo: oltre a mangiarlo tal quale, lo si può rivestire con del cioccolato temperato, meglio se del tipo al latte, oppure sbriciolarlo sul gelato o inserirlo, insieme a dei biscotti, nell'impasto del salame di cioccolato. Io l'ho impiegato in una ricetta di Mary Berry: un dolcetto croccante al cioccolato che vi porterà dritti nel paradiso del gusto.

7 commenti:

  1. Sai che l'ho fatto anch'io? Con una piccola differenza.....non mi è venuto a nido d'ape!!!!!!
    Era buono lo stesso,soprattutto intinto nel cioccolato ma devo riprovare con questa tua ricetta.
    Ma lo chef,nel video,ha messo lo yogurt oppure panna?
    Complimenti,ti è venuto benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mette dello yogurt. Qualche mese fa, l'avevo fatto con una ricetta di Lorraine Pascale ma non mi era piaciuto un gran che. prova con queste proporzioni e le "cellette" ti vengono di sicuro.

      Elimina
  2. Che buono!! Beh sicuramente se Gordon sostiene che il segreto stia nel miele...come non fidarsi!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  3. Ramsay mi ispira sempre fiducia ;)
    Bacioni

    RispondiElimina
  4. Io l'adoro, ma non ho mai provato a farlo...grazie per la ricetta :-D
    A rileggerci presto tra ricette e sorrisi :-D

    RispondiElimina
  5. beh deve dire che hai proprio selezionato una cosa molto interessante

    RispondiElimina
  6. Molto interessante questa preparazione. Mai incrociato nulla di simile. Non mi stancherò mai della pasticceria perché c'è sempre qualcosa di completamente nuovo da scoprire, come questo dolce. Grazie mille !

    RispondiElimina