Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

giovedì 20 febbraio 2020

Crostata morbida

Per la mia riunione mensile di mercoledì scorso stavo cercando la ricetta di un dolce dal gusto semplice, veloce da preparare e, possibilmente, inedito per la mia platea di amiche. Mi sono ricordata di questa crostata che, parecchi anni fa, Marina Braito aveva pubblicato su Coquinaria con straordinario seguito. Di solito sono diffidente verso le ricette-tormentone, quelle che piacciono a tutti, ma, visto l'esito, devo dire che ho fatto bene a fidarmi. Grande successo! Il dolce ha il pregio di essere variamente interpretato: basterà cambiare il gusto della confettura (in stagione, Marina consiglia marmellata di arance e scorza grattugiata di arancia) per avere un dolce sempre nuovo e diverso.
PS ho fatto la versione light, con un po' meno burro e zucchero della ricetta "ufficiale".

CROSTATA MORBIDA
da una ricetta di Marina Braito


Ingredienti per uno stampo quadrato da 20 cm x lato 
o per una tortiera di 24-26 cm di diametro
200 g di farina 00
170 g di zucchero semolato
170 g di burro
2 uova intere
1 tuorlo
la scorza grattugiata di un limone, non trattato
1 cucchiaio di lievito per dolci
1 pizzico di sale
marmellata ai frutti di bosco (o un gusto a piacere)
zucchero a velo per decorare

Procedimento
Togliere dal frigo il burro e le uova con largo anticipo. Il burro dovrà essere morbido e le uova a temperatura ambiente. Accendere il forno a 180 gradi, statico. Imburrare e infarinare lo stampo. Io ho messo anche una striscia di carta forno a ricoprire il fondo e due lati dello stampo, per facilitare l'estrazione del dolce dopo la cottura. In un terrina, mescolare la farina con lo zucchero, il lievito, la scorza del limone e il sale. Aggiungere le uova, leggermente battute, e il burro morbido. Battere brevemente con le fruste elettriche fino ad ottenere un impasto denso. Versarlo nello stampo, livellando bene con una spatola. Praticare delle fossette sulla superficie del dolce con l'aiuto del dorso di un cucchiaio inumidito. Riempire le fossette con la marmellata. Cuocere in forno caldo per circa 35-40 minuti. Togliere dal forno; aspettare qualche minuto prima di estrarre il dolce dallo stampo, facendolo raffreddare su una gratella. Cospargere con dello zucchero a velo e tagliare in grossi cubi.




6 commenti:

  1. Sai che anch'io non l'ho ancora fatta? E non capisco perché visto che di crostate ne faccio spesso 😒🤔 bella la tua!! Anch'io mi sono data alle torte quadrate o rettangolari così taglio più facilmente 😂😂

    RispondiElimina
  2. Non ti dico com'e' piaciuta! Ha anche il pregio di conservarsi per qualche giorno, ben fasciata in un foglio di alluminio.

    RispondiElimina
  3. Provenienza certificata. da provare. chissà però perché venga chiamata "crostata" e nn "torta", secondo te? stef

    RispondiElimina
  4. Forse il basso spessore e la marmellata sopra ricorda un po' la crostata anche se si tratta in effetti più di una torta. Un abbraccio.

    RispondiElimina