Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 23 giugno 2019

Soprannomi

Ho sempre pensato, fino a pochi anni fa,  che l'uso di dare un soprannome alle persone fosse un vezzo caratteristico degli abitanti dell'area lariana; facendo qualche superficiale ricerca, però, mi sono accorta che è un'abitudine tipicamente italiana. Questa mattina, mettendo ordine nel mio armadio, ho ritrovato in una vecchia borsetta un foglio scritto molti anni fa: una lista, corposa ma non completa, stilata con l'aiuto di mia mamma, di tutti i soprannomi degli abitanti della Tremezzina. Alcuni di questi si riferiscono chiaramente al mestiere esercitato dal soggetto destinatario del soprannome, oppure ad una sua inveterata abitudine, ma altri hanno origini per me oscure. A perenne memoria li riporto qui di seguito. L'elenco sarà in continuo aggiornamento. Invito i miei lettori laghée ad aggiungere perle a questa collana.

Taròca pügnatt
Candigina
Sett'èti e mezz
Stravaca Madonn
Pali
Trii
Pèla galén
Spelüca resènn
Ugion
Sguara pètul
Cinq e mèza
Grèpi
Büdelon
Fiaca
Caca
Fulèta
Merli
Piögia
Tue
Galéna
Quacc
Padoch
Canott
Douglas
Piove
Bambinel (figlio)
Pupulén (padre)
Prevedén
Prevustón
Vèscuf
Cranio
Kram
Pettine d'oro
Fittipaldi
Brighella
Cuchi
Cagliari
Mignon
Martinall
Balara
Geiett
Zutt
Pegi
Barison
Freccia
Tüber
Cutelèta
Bistèca
Stagia
Weber
Tamara
Zietu
Miscel
Aga (Khan)
Lonia
Bisa
Bisèta






6 commenti:

  1. Si usano e sono molto più azzeccati dei nomi

    RispondiElimina
  2. Vero. C'e' dentro tutta la saggezza e l'ironia popolare.

    RispondiElimina
  3. nei paesi Cimbri del Trentino, il soprannome della famiglia è addirittura riportato sulla carta di identità, ci sono infatti quasi solo due cognomi in tutte le valli ;O))
    Anche nel Veneto, la famiglia di mia nona erano detti i "Palòt" e la nonna e le sue sorelle ovvimanete le "palottine"; i parenti di mia moglie in zona PD i "Busi" e i "Tadii", sarebbe bello sapere il significato ma è così in là nel temp che nemmeno nonne e zie se ne ricordano.
    Un saluto goloso, il cat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del contributo, Cat. Peccato che la memoria storica si stia perdendo; anche mia mamma (87 anni) comincia a non ricordare più perché vennero dati certi soprannomi. Nell'elenco ci sono anche quelli di mio padre, di mio fratello, di uno zio paterno e di uno materno ;-)

      Elimina
  4. Anche in Campania sono usati e spesso sui manifesti mortuari si scrive anche il soprannome, usanza che purtroppo si sta perdendo

    RispondiElimina
  5. Vero, Valentina. Li ho visti anch'io; e' probabile che se pubblicassero solo il nome anagrafico, molte persone non verrebbero riconosciute. Grazie del contributo. Buona serata.

    RispondiElimina