Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

domenica 31 agosto 2014

Magatello al rosa con salsa tonnata

Andando a ritroso tra i post in attesa di pubblicazione, mi sono accorta di questa ricetta che stava ibernata in archivio dall'anno scorso. Non e' altro che una rivisitazione del classico "vitello tonnato" di antica memoria; la  novita' consiste nel non stracuocere la carne e presentarla  appoggiata su una collinetta di insalata (idea presa da un ristorante di Milano che frequento spesso).

MAGATELLO AL ROSA CON SALSA TONNATA 


Ingredienti per 4 persone
500 g di magatello di vitello
olio extravergine di oliva ligure
50 g di cipolla dorata
1 filetto d'acciuga sott'olio
150 g di vino bianco secco
200 g di ottimo tonno sott'olio
succo di limone
sale, pepe

Per la decorazione
un pugno di cucunci (frutti del cappero)
insalatina da taglio

Liberare la carne, che dovrà essere a temperatura ambiente e non fredda di frigorifero, da pellicine e parti grasse. Massaggiarla con sale e pepe. Scaldare 4 cucchiai di olio in una casseruola dai bordi alti; farvi rosolare la carne per 5 minuti . Sfumare con il vino bianco, precedentemente portato a bollore. Aggiungere la cipolla, tagliata a spicchi sottili, il filetto d'acciuga e circa 150 ml di acqua bollente. Mettere in forno, preriscaldato a 180°C, facendo cuocere per 25 minuti esatti. Togliere la carne dal tegame e lasciarla raffreddare sopra una gratella. 
Preparare la salsa. Mettere nel bicchiere alto ( in dotazione al frullatore a immersione) l'intingolo rimasto in casseruola (se fosse troppo ristretto, allungarlo con un po' di brodo; se, viceversa, fosse troppo liquido, restringerlo sul fornello), compresi cipolla e acciuga. Frullare a bassa velocità, aggiungendo il tonno sgocciolato. Completare con un po' di succo di limone, sale e pepe appena macinato e ancora un filo d'olio. Affettare sottilmente la carne con l'affettatrice.
Presentazione. Disporre, al centro dei piatti individuali, una montagnetta di insalatina da taglio. Coprirla con le fettine di magatello, decorando con la salsa e qualche cucuncio.
Annota bene: se la salsa si discosta troppo dal vostro gusto abituale, potete sempre presentare il piatto guarnito con una normale salsa tonnata, mescolando una maionese casalinga fatta con due tuorli, 200 g di tonno e qualche cappero ben tritati.

lunedì 4 agosto 2014

Okra fritta in pastella speziata con salsa agrodolce


Avviso ai lettori. Questo post viene inserito automaticamente dal sistema, come pianificato in precedenza.  Sono ancora in vacanza - e con qualche difficoltà di collegamento -  per cui le risposte ai vostri gentili commenti potrebbero essere pubblicate in ritardo. Per il momento, un augurio a tutti di serene vacanze e scusate per il disagio. 
Eugenia

Recentemente,  con i carissimi Francesco e Pinuccia,  siamo ritornati in uno dei nostri ristoranti preferiti:
l' Imperiale,  in via  Plinio a Milano, specializzato in cucina asiatica. Lo frequentiamo da tantissimi anni, sempre accompagnati da questi nostri amici che vantano un ultra decennale rapporto di stima e amicizia con i titolari: Marco - brillante chef e anima creativa del locale - ed Elena, la gentilissima moglie che sovrintende il servizio in sala. Durante la cena, ci è stato servito un menu studiato apposta per noi da chef Marco, in cui  si sono succedute una serie di portate davvero squisite e particolari. Tra le tante cose, sono stata piacevolmente colpita dall'incontro con l'okra, o gombo, un vegetale che da qualche tempo vedo occhieggiare sugli scaffali del supermercato ma che, fino a quel momento, consideravo una specie di oggetto misterioso. Ebbene, dopo averlo assaggiato fritto in tempura, accompagnato da una piacevole salsina agro-piccante, me ne sono invaghita al punto di andare, il giorno dopo, dritta a comprarlo (per la cronaca, il prodotto viene importato dal Nicaragua). Non volendo ripetere la stessa pastella - anche per non annoiare il marito - ho preso ispirazione dal mai abbastanza lodato mare magnum di internet ed ho provato questo impasto a  base di yogurt denso e farina di ceci, a cui ho aggiunto una bella nota speziata. Risultato positivo, da ripetere ancora, anche variando il tipo di verdura.

OKRA FRITTA IN PASTELLA SPEZIATA
CON SALSA AGRODOLCE


150 g di okra
Pastella
4 cucchiaiate di yogurt greco o% di grassi (200g)
2 cucchiai di farina di ceci (35g)
1 cucchiaino di Garam Masala (mix indiano di spezie)
1 pizzico di assafetida (facoltativo)
1 pizzico di pepe di Cajenna
3 dl circa di olio di arachide
sale fino

Preparare la pastella mescolando, in una ciotola, lo yogurt con la farina di ceci e le spezie. Lavare e asciugare l'okra. Spuntare l'estremità superiore e dividere ogni pezzo in quattro, tagliandolo longitudinalmente. Tamponare bene i pezzi di okra e immergerli nella pastella. Scaldare l'olio di arachide a 180°C. Tuffare l'okra nell'olio bollente, pochi pezzi alla volta, friggendo per pochissimi minuti. Non appena la verdura diventa dorata, prelevarla con una schiumarola e metterla ad asciugare su della carta da cucina. Proseguire fino ad esaurimento degli ingredienti. Solo alla fine, cospargere con del sale fino (ancor meglio con dei fiocchi di sale Maldon) e servire accompagnando con la salsa agrodolce.

Salsa agrodolce:
1 cucchiaio di olio di oliva
1 cucchiaio di salsa di soia
1 cucchiaio di aceto di riso
1 cucchiaino di miele
1 peperoncino verde, piccante

Lavare il peperoncino; asciugarlo; tagliarlo in due eliminando semi e filamenti. Tagliare ogni pezzo a striscioline e poi a dadi minuscoli. Mettere in una ciotolina il resto degli ingredienti, mescolandoli con una frustina. Completare con il peperoncino a dadini.

Annota bene: questa preparazione funziona bene come stuzzichino caldo, da servire con l'aperitivo, oppure la si può considerare un contorno insolito a dei piatti di carne o pesce. 


venerdì 1 agosto 2014

Salsa di ceci e peperone rosso

Avviso ai lettori. I post che seguono verranno inseriti automaticamente dal sistema, come pianificato in precedenza. Sono ancora in vacanza - e con qualche difficoltà di collegamento -  per cui le risposte ai vostri gentili commenti potrebbero essere pubblicate in ritardo. Per il momento, un augurio a tutti di serene vacanze e scusate per il disagio. 
Eugenia


Una salsina rapida nell'esecuzione (sempre che, in precedenza, abbiate cotto sul grill dei bei peperoni e ne abbiate conservata qualche falda, opportunamente spellata) ma con il suo fascino discreto ed esotico. Ottima come dip da offrire al momento dell'aperitivo in terrazza, accompagnando con crackers o fettine tostate di pane casereccio.
SALSA DI CECI E PEPERONE ROSSO

1 lattina di ceci biologici, lessati (400 g circa)
1 grosso peperone rosso; arrostito, spellato e privato di semi e filamenti
1 cipollotto
sale
qualche foglia di coriandolo fresco
1/2 cucchiaino di cumino in polvere
un pizzico di coriandolo in polvere
un buon pizzico di sumac
un buon pizzico di zahatar
olio extravergine.



Frullare nel mixer i ceci - sgocciolati e risciacquati sotto acqua corrente - con le falde di peperone, il cipollotto, il cordiandolo fresco e in polvere, il cumino. Quando tutto sara' ridotto in soffice purea, versare in una ciotola e condire con un pizzico di sale e, volendo, una goccia d'olio extravergine. Mescolare con cura, decorando la superficie con un pizzico di sumac, una spolverata di  zahatar e qualche fogliolina di coriandolo. Si serve con crostini di pane tostato o, come me, con dei crackers preparati con farine senza glutine.