Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

venerdì 14 giugno 2013

Quinoa come un cous-cous

Ormai con la quinoa siamo diventate grandi amiche e grazie alla sua versatilita' preparo in continuazione nuove insalate fredde a base di verdure e spezie. In fondo, il gioco e' abbastanza semplice: basta cuocerla nel solito modo e scatenare la fantasia con gli accostamenti. Questa, in particolare, ci e' piaciuta davvero molto per il gusto e la leggerezza; la curcuma ha donato un bel colore giallo e la miscela Ras el Hanout ha aggiunto un tocco mediorientale. 

QUINOA COME UN COUS-COUS



Per 4 persone
250 g di quinoa
500 ml di brodo vegetale
olio extravergine q.b.
un pizzico di aglio in polvere
1/2 cucchiaino di Ras el Hanout (vedi in basso)
1/2 cucchiaino di curcuma
sale
2 zucchine medie
2 carote medie
1 cipollotto, tritato
200 g circa di ceci, lessati e scolati
50 g di pistacchi
una manciata di pomodorini
un ciuffo di prezzemolo
3 foglie di menta marocchina

Mettere la quinoa in un colino e lavarla accuratamente e a lungo sotto acqua corrente, strofinando i grani tra le dita per eliminare la saponina, una sostanza che le conferirebbe un sapore amaro. Scolarla molto bene. Scaldare in padella due cucchiai d'olio con un pizzico di aglio in polvere, Ras el Hanout e curcuma. Unire la quinoa e farla tostare brevemente. Coprire con il brodo bollente e cuocere per 15-20 minuti o fino a quando la quinoa si presentera' ben asciutta. Falar raffreddare su un piatto stesa in un solo strato.
Tagliare a dadini le carote e farle scottare per 5' in acqua bollente leggermente salata. Scolarle e farle raffreddare. Tagliare a dadini le zucchine (eliminando, possibilmente, la parte interna con i semi) e farle saltare, per pochi minuti, in un velo d'olio dove si sara' fatto appassire il cipollotto tritato. Le zucchine dovranno rimanere un po' al dente. Aggiungere alle zucchine le carote e i ceci, facendoli insaporire per un minuto.Far raffreddare. Riunire, in una capace insalatiera, la quinoa, le carote, le zucchine, i ceci, i pomodorini (tagliati a meta') e le erbe odorose tritate. Condire con 1 cucchiaio d'olio e abbondante succo di limone. Sistemare di sale  e mescolare bene. Aggiungere i pistacchi, leggermente tostati e grossolanamente tritati; mescolare con delicatezza e servire.

RAS-EL-HANOUT 
(informazioni prese dal sito 
http://www.magicalbotanical.it/miscele-di-spezie.html)
"Quanto c'è di meglio (nel negozio)" è una miscela di spezie variabile negli ingredienti, originaria del Marocco e tipica ormai di tutto il Nord Africa. Viene composta e personalizzata a seconda del droghiere o della famiglia che la crea, e può avere da una decina di ingredienti di base fino ad una sessantina. Una composizione abbastanza tipica comprende cannella, cardamomo, chiodi di garofano, coriandolo, cumino, curcuma, noce moscata, pepe nero e bianco, zenzero, boccioli di rosa, ma può contenere anche aglio, galanga, fiori di lavanda, macis, nigella, pepe di Giamaica, cassia, semi di finocchio, vari tipi di peperoncino, anice, anice stellato, alloro, radici di iris, grani del paradiso, zafferano, sale, perfino hashish (ma probabilmente solo su ordinazione).
Si abbina al riso, al couscous, alle insalate con burgoul e alle tajines, alla carne di pollo e di agnello o capretto.

lunedì 3 giugno 2013

Polpette di carota e feta

Il mese scorso avevo preparato, con un certo successo, le polpette di zucchina e feta seguendo la ricetta di Ghillie Basan, tratta dal libro "Classic Turkish Cooking". Dando un'occhiata al suo sito, mi sono accorta che aveva pubblicato anche la versione con le carote ed ho deciso di provarla, rimodulando le dosi secondo la mia necessità e cuocendo le polpette in forno, anzichè friggerle. L'unica cosa che mi ha un po' disturbato è stata la presenza dell'aneto tritato tra gli ingredienti; l'ho trovato troppo invadente. Infatti, nella ricetta che pubblico non l'ho messo. Le polpette, oltre ad essere un secondo piatto leggero, possono essere servite come stuzzichino durante un aperitivo; basterà farle di più piccole dimensioni e riscaldarle a bassa potenza nel microonde.

POLPETTE DI CAROTA E FETA

Ingredienti per 12 polpette

350 g di carote, lavate e pelate
1 cucchiaio d'olio extravergine
1 scalogno
3 cucchiai di prezzemolo tritato con 2 foglie di menta
2 uova
2 cucchiai di farina di riso
150 g di feta light
1 cucchiaino di paprika dolce
un pizzico di coriandolo in polvere
sale  e pepe

 

Tagliare le carote a julienne con l'apposito strumento. Farle saltare, per pochissimi minuti, in un cucchiaio d'olio dove si sarà già fatto appassire lo scalogno tritato. Condire con un pizzico di sale e uno di coriandolo in polvere. Far perdere ogni umidità residua alla verdura mettendola in un colino e lasciarla raffreddare. In una ciotola, battere con un frustino le uova con la farina di riso. Aggiungere il formaggio, le erbe tritate e la paprika. Aggiustare di sale (tenendo presente che la feta è già saporita) e di pepe. Unire le carote raffreddate e mescolare accuratamente. Prendere una placchetta, rivestirla con un foglio di carta forno bagnato e strizzato e deporvi porzioni di impasto,  aiutandosi con un dosa-gelato o con un cucchiaio. Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 20-25 minuti, girando le polpette a metà cottura. Sono buone sia calde che a temperatura ambiente.