Il contenuto di questo sito può essere riprodotto dopo aver contattato l'autore solo a condizione che ne venga citata chiaramente la fonte, che non venga utilizzato a scopi commerciali e che non venga alterato o trasformato.

martedì 25 gennaio 2011

Rösti

Il rösti è un contorno a base di patate, tipico della cucina svizzera. Si può preparare con le patate crude o parzialmente lessate e, nelle versioni più fantasiose, arricchirlo con ingredienti saporiti come cipolle soffritte, pancetta, formaggio, erbe aromatiche o spezie. Io l'ho preparato nella versione base, utilizzando le patate crude. E' ovvio che il piatto diventerà ottimo se si utilizzeranno patate di ottima qualità.



Per 4 persone:
4 patate a pasta gialla di medie dimensioni
2 noci di burro
sale, pepe

Grattugiare con la grattugia a fori grossi le patate, precedentemente sbucciate, lavate ed asciugate. Far cadere il ricavato su una salvietta pulita, chiuderne i lembi a fagotto e strizzare quanta più acqua di vegetazione si riuscirà. Salare e pepare, distribuendo bene il condimento. Prendere una padella antiaderente, farvi sciogliere una noce di burro; aggiungere le patate grattugiate, schiacciandole con una paletta di legno per appiattirle uniformemente. Cuocere, a calore moderato, una decina di minuti. Voltare il rösti con l'aiuto di un coperchio (un po' come si fa con la frittata), mettendo sul fondo della padella il resto del burro. Cuocere fino a doratura.



5 commenti:

  1. Grazie! Finalmente ho capito dove sbagliavo! Non sapevo che bisognasse togliere l'acqua. Mi venivano dei papponi bruciacchiati. Appena finisco la dieta li faccio. Ho tanta nostalgia.

    RispondiElimina
  2. Ho imparato a farlo a Trento ed è veramente un buon contorno oppure un piatto unico se è arricchito.
    Grazie Eugenia !
    Mandi

    RispondiElimina
  3. Amo molto il rosti,che nel trentino è piatto frequente e abituale nei ristoranti e nelle case private.Personalmente lo faccio con patate crude,con l'aggiunta di cipolla e pancetta diventa veramente irresistibile!

    RispondiElimina
  4. non l'ho mai fatta ma prendo spunto da te!

    RispondiElimina
  5. @Silvia: ciao! togliere l'acqua di vegetazione è importante, ma fondamentale è la qualità delle patate usate. Io faccio una fatica terribile a trovarne di decenti e mi devo assoggettare a comprarle dal mio fruttivendolo, che pratica prezzi folli ma almeno ti vende tuberi ancora degni di questo nome.
    @Rosetta: a me ricorda molto anche il frico, ovviamente senza formaggio.Che bontà pure quello!
    @Annamaria: è vero, con pancetta e cipolla è squisito. Talvolta, ci aggiungo anche un pizzico di cumino in polvere.
    @Papavero:ti raccomando la qualità delle patate o ti viene una robetta molliccia poco appetibile!
    un abbraccio
    eu

    RispondiElimina